23.07.2021     Commenti disabilitati su Covid-19 Aggiornamenti in diretta: Le ultime sul vaccino e la variante – The New York Times
 

Covid-19 Aggiornamenti in diretta: Le ultime sul vaccino e la variante – The New York Times

Here’s what you need to know:A restaurant in Rome on Thursday. Indoor dining is one of the activities Italy’s government will restrict for the unvaccinated.Credit…Remo Casilli/ReutersThe Italian government announced on Thursday that it would require people to show proof of vaccination or a recent negative test in order to participate in certain social activities, including…


Ecco cosa devi sapere:

A restaurant in Rome on Thursday. Indoor dining is one of the activities Italy’s government will restrict for the unvaccinated.Credit…Remo Casilli/Reuters

Il governo italiano ha annunciato giovedì che richiederà alle persone di mostrare una prova di vaccinazione o un test recente negativo per poter partecipare ad alcune attività sociali, tra cui i pasti al chiuso, visitare musei e assistere a spettacoli.

La mossa segue un annuncio simile fatto dal governo francese la scorsa settimana e arriva mentre il dibattito nelle nazioni occidentali si scalda su quanto i governi dovrebbero – o possono – andare nel circoscrivere la vita dei non vaccinati.

In Gran Bretagna, il primo ministro Boris Johnson ha detto questa settimana che il suo governo ha pianificato di insistere su una prova di vaccinazione per entrare in discoteche e luoghi simili entro la fine di settembre, ma l’idea è stata accolta con un rapido contraccolpo politico e non è ancora certo di andare avanti.

L’uso esteso del pass sanitario italiano, che le autorità italiane chiamano “certificazione verde”, è inteso sia a incoraggiare più vaccinazioni sia a smussare la diffusione della variante Delta, che sta già causando un aumento dei casi di coronavirus in tutto il continente.

“La variante Delta del virus è minacciosa”, ha detto il primo ministro italiano, Mario Draghi, durante una conferenza stampa giovedì sera. “Dobbiamo agire sul fronte della Covid-19”, ha aggiunto, per continuare a permettere all’economia italiana di riprendersi. Un portavoce del primo ministro ha detto che le imprese dovranno far rispettare i requisiti e saranno puniti se sorpresi a violarli.

Senza queste misure, il governo italiano ha detto che potrebbe essere costretto a reintrodurre nuove restrizioni in un paese che ha sopportato la prima e tra le più severe serrate in Occidente. Il governo italiano è particolarmente preoccupato per la diffusione del virus tra i due milioni di persone sopra i 60 anni che sono ancora completamente non vaccinati.

Poco più del 50% degli italiani sopra i 12 anni – circa 28 milioni di persone – sono completamente vaccinati, secondo il governo italiano.

Ma il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha detto che la diffusione della variante Delta è in aumento. L’organizzazione ha previsto che entro la fine di agosto, la variante Delta rappresenterà il 90% delle infezioni da coronavirus nell’Unione europea.

Le discussioni sull’introduzione del requisito del vaccino in Italia hanno seguito l’annuncio di una misura simile la scorsa settimana da parte del presidente francese, Emmanuel Macron, che ha detto che una prova di vaccinazione o un test negativo sarebbe stato obbligatorio per accedere a luoghi di cultura, parchi di divertimento, ristoranti, centri commerciali, ospedali, case di riposo e trasporti a lunga distanza.

Secondo diversi sondaggi, circa il 70% degli italiani è favorevole a seguire l’esempio della Francia, ma la discussione di questa settimana sull’introduzione di requisiti simili ha creato profonde fratture all’interno della coalizione di governo italiana, che comprende il Partito Democratico ma anche il partito nazionalista della Lega di Matteo Salvini.

Il signor Salvini – che ha detto di non essere ancora stato vaccinato – si è opposto a quello che ha definito “escludere 30 milioni di italiani dalla vita sociale” Durante una manifestazione di domenica ha detto che “si è rifiutato di vedere qualcuno correre dietro a mio figlio che ha 18 anni con un tampone o una siringa” mentre i migranti attraccavano “a vagonate in Sicilia” senza alcuna prova di un tampone negativo o di una vaccinazione.

A partire dal 6 agosto. A partire dal 6 agosto, agli italiani sarà richiesto di mostrare la prova di aver ricevuto almeno una dose di vaccino, di aver preso un recente tampone negativo o di essere guariti dalla Covid negli ultimi sei mesi per potersi sedere ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti; accedere a musei, piscine, palestre e parchi a tema; e partecipare a gare sportive e altri eventi, compresi gli esami pubblici.

“L’appello a non farsi vaccinare è un appello a morire”, ha detto giovedì il signor Draghi. “Senza vaccinazioni dobbiamo chiudere tutto di nuovo”.

Il ministro della salute italiano, Roberto Speranza, ha detto che lo stato di emergenza sarà esteso al 31 dicembre e che il numero di ricoveri, e non il numero di casi di coronavirus, sarà ora il criterio prevalente per valutare le restrizioni nelle regioni italiane.

Due terzi della popolazione italiana – circa 40 milioni di italiani – hanno già scaricato il pass, ha detto Speranza, che era stato precedentemente richiesto per partecipare a matrimoni o visitare case di cura.

Ha detto che il pass è una condizione per “permettere alle attività economiche di rimanere aperte” e per gli italiani di continuare a sedere nei ristoranti e nei bar “con la garanzia di essere circondati da persone che non sono contagiose.”

In aprile, quando i focolai sono aumentati negli ospedali dove gli operatori sanitari avevano scelto di non essere vaccinati, l’Italia è diventata il primo paese in Europa a rendere le vaccinazioni obbligatorie per gli operatori sanitari. Circa il 15% degli insegnanti italiani non sono ancora vaccinati, e il governo sta ora discutendo se estendere il mandato anche al personale scolastico.

“La scuola è una priorità assoluta”, ha detto il signor Speranza. “Dobbiamo valutare tutti gli strumenti disponibili per prendere il 15% che è rimasto”.

Video

trascrizione

Indietro

trascrizione

I repubblicani della Camera usano l’appello alle vaccinazioni per spingere l’inchiesta

I leader repubblicani della Camera si sono riuniti a Washington, DC, per esortare gli americani a prendere il vaccino contro il coronavirus e hanno accusato i democratici, senza prove, di coprire le origini del virus.

“Se mai saremo in grado di superare questo, e soprattutto per evitare che qualcosa del genere accada di nuovo, dobbiamo almeno scoprire come è successo veramente. E mentre lo Speaker Pelosi si rifiuta di indagare su questo, molti di noi si sono attivati da soli per iniziare a scavare nei fatti, per cercare di ottenere i fatti nel miglior modo possibile. Sappiamo che il Partito Comunista Cinese non vuole rilasciare il background, i dati, i fatti. Non ci permette di parlare con le persone che hanno lavorato in quel laboratorio di Wuhan – c’erano dollari delle tasse americane che sono andati direttamente o indirettamente al laboratorio di Wuhan per eseguire la ricerca sul guadagno di funzione. Un sacco di prove indicano che c’era – tutte queste domande meritano risposte” “La domanda è: perché i democratici stanno facendo ostruzionismo sui nostri sforzi per scoprire l’origine del virus Covid? Perché i Democratici non stanno indagando sulla crescente lista di prove che ci portano direttamente al Partito Comunista Cinese e al loro insabbiamento? E perché questa amministrazione si rifiuta di ritenere la Cina responsabile? I nostri membri repubblicani continueranno a lavorare per esigere risposte, responsabilità e trasparenza per il popolo americano”.

Video player loadingI leader repubblicani della Camera si sono riuniti a Washington, D.C, per esortare gli americani a prendere il vaccino contro il coronavirus e hanno accusato i democratici, senza prove, di coprire le origini del virus.CreditCredit…Stefani Reynolds per il New York Times

I leader repubblicani della Camera e i medici si sono riuniti giovedì mattina per una conferenza stampa apparentemente per sollecitare gli americani a vaccinarsi contro il coronavirus in mezzo alle infezioni in aumento negli Stati Uniti, ma hanno usato l’evento per attaccare i democratici che hanno detto, senza prove, di aver dissimulato sulle origini del virus.

L’apparizione del secondo e del terzo posto dei repubblicani della Camera, i rappresentanti Steve Scalise della Louisiana e Elise Stefanik di New York, accanto a una dozzina di medici, ha suggerito che una recrudescenza nella diffusione del virus, guidata dalla variante Delta più contagiosa, non ha spinto il partito a cambiare il suo tono. Il signor Scalise e la signora Stefanik hanno invece accusato i democratici di quello che hanno chiamato un insabbiamento per conto del partito comunista cinese.

Solo quando sono stati pressati dai giornalisti i leader hanno affrontato la vaccinazione.

“Vorrei incoraggiare le persone a prendere il vaccino”, ha detto il signor Scalise verso la fine della manifestazione, quando è stato premuto sulla sua posizione in merito. “Ho molta fiducia in esso. L’ho preso io stesso”

Lui e altri repubblicani hanno trascorso la maggior parte del loro tempo giovedì discutendo affermazioni non provate che i cinesi avevano rilasciato un virus virulento, creato dall’uomo, nel mondo e accusando i democratici di averlo ignorato.

L’evento di fronte al Campidoglio era stato pubblicizzato come una “conferenza stampa per discutere la necessità per gli individui di farsi vaccinare, scoprire le origini della pandemia, e tenere aperte scuole e imprese” Eppure i repubblicani che hanno partecipato, molti dei quali rappresentano circoscrizioni elettorali che hanno rifiutato di ottenere il vaccino, non potevano sembrare portare se stessi a martellare a casa l’importanza di farlo.

Anche i medici che hanno sottolineato le vaccinazioni, il rappresentante Andy Harris del Maryland e il senatore Roger Marshall del Kansas, hanno attenuato e qualificato le loro dichiarazioni.

“Se siete a rischio, si dovrebbe ottenere questo vaccino,” il Dott. Harris ha detto, aggiungendo: “Esortiamo tutti gli americani a parlare con i loro medici circa i rischi di Covid, parlare con i loro medici circa i benefici di essere vaccinati, e poi venire a una decisione che è giusto per loro.”

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomanda che chiunque abbia 12 anni o più – non solo quelli a più alto rischio – si vaccini contro il coronavirus il più presto possibile.

Quando premuto, il rappresentante Greg Murphy, repubblicano del North Carolina, ha demoralizzato: “Questo vaccino è una medicina, e proprio come con qualsiasi altra medicina, ci sono effetti collaterali e questa è una decisione personale.”

L’enfasi sulla cosiddetta teoria della fuga dal laboratorio è stata una sorpresa, data l’impennata delle infezioni concentrate nelle regioni rurali e fortemente repubblicane del paese.

A livello nazionale, la media delle nuove infezioni da coronavirus è aumentata del 171% in 14 giorni, a più di 41.300 al giorno mercoledì, e i decessi – un numero in ritardo – sono aumentati del 42% da due settimane fa, a quasi 250, secondo un database del New York Times. Ancora, i nuovi casi, i ricoveri e le morti rimangono ad una frazione dai loro precedenti picchi devastanti.

I vaccini rimangono efficaci contro i peggiori esiti del Covid-19, compresi quelli della variante Delta. Gli esperti dicono che le infezioni di rottura nelle persone vaccinate sono finora ancora relativamente poco comuni. La variante Delta è stimata per l’83% dei nuovi casi negli Stati Uniti, il C.D.C. ha detto all’inizio di questa settimana.

Il Kaiser Family Foundation ha riferito alla fine di giugno che l’86% dei democratici ha avuto almeno un colpo, rispetto al 52% dei repubblicani. Un’analisi del Times in aprile ha trovato che le contee meno vaccinate del paese avevano una cosa in comune: hanno votato per il signor Trump.

Ma il dottor Murphy ha detto che la nozione che i conservatori sono riluttanti a ricevere il vaccino “non è solo falso; è una bugia.”

Per quanto riguarda la teoria della fuga dal laboratorio, uno dopo l’altro, i repubblicani hanno inquadrato la questione come praticamente risolta: La ricerca in un laboratorio di virus a Wuhan, in Cina, ha creato il nuovo coronavirus attraverso rischiosi esperimenti di “guadagno di funzione”, poi è trapelato nel mondo.

“I criminali sono stati condannati su meno prove circostanziali di quelle attuali, e ogni giorno più prove sono rivelate”, ha detto la rappresentante Mariannette Miller-Meeks dello Iowa.

Recentemente, alcuni scienziati hanno sollecitato che la possibilità di una fuga di laboratorio sia presa sul serio, insieme alla possibilità che il coronavirus sia emerso naturalmente, molto probabilmente da un animale. Ma essi guardano soprattutto alla possibilità che un virus naturalmente evoluto fosse presente in laboratorio e sia scappato, non che il virus sia stato creato deliberatamente. Anche alcuni dei più accesi sostenitori scientifici della possibilità di una fuga dal laboratorio non sostengono che ci siano prove definitive dell’origine del virus.

Piuttosto che coprire la questione, il presidente Biden ha ordinato alle agenzie di intelligence degli Stati Uniti alla fine di maggio di indagare sulle origini del coronavirus e di fare rapporto entro 90 giorni.

Video

trascrizione

Indietro

trascrizione

C.D.C. Rochelle Walensky, il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, ha avvertito che gli Stati Uniti sono ad “un altro punto cruciale in questa pandemia” poiché la variante infettiva Delta continua a guidare la maggior parte dei nuovi casi di Covid-19.

“La variante Delta si sta diffondendo con incredibile efficienza, e ora rappresenta più dell’83% del virus che circola negli Stati Uniti. Rispetto al virus che avevamo in circolazione inizialmente negli Stati Uniti all’inizio della pandemia, la variante Delta è più aggressiva e molto più trasmissibile dei ceppi circolanti in precedenza. È uno dei virus respiratori più contagiosi che conosciamo e che ho visto nei miei 20 anni di carriera. Siamo ancora in un altro momento cruciale in questa pandemia, con i casi che aumentano di nuovo e alcuni ospedali che raggiungono la loro capacità in alcune aree” “Gli individui non vaccinati rappresentano praticamente tutti i 97% dei ricoveri e dei decessi di Covid negli Stati Uniti. I dati sono chiari. L’aumento dei casi è concentrato nelle comunità con bassi tassi di vaccinazione”.

Video player loadingLa dottoressa Rochelle Walensky, direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention, ha avvertito che gli Stati Uniti sono a “un altro punto cruciale in questa pandemia”, poiché la variante infettiva Delta continua a guidare la maggioranza dei nuovi casi di Covid-19.CreditCredit…Stefani Reynolds per il New York Times

Il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention ha avvertito giovedì che gli Stati Uniti non sono “ancora fuori dal bosco” della pandemia e sono ancora una volta ad un “punto cruciale”, poiché la variante Delta, altamente contagiosa, si sta diffondendo nelle comunità non vaccinate.

Poche settimane dopo che il presidente Biden ha dato una festa del 4 luglio sul prato sud della Casa Bianca per dichiarare l’indipendenza dal virus, il direttore, la dottoressa Rochelle P. Walensky, ha chiamato la variante ora dominante “uno dei virus respiratori più infettivi” conosciuti dagli scienziati.

Il rinnovato senso di urgenza all’interno dell’amministrazione era rivolto alle decine di milioni di persone che non sono ancora state vaccinate e quindi hanno maggiori probabilità di essere infettate e ammalarsi. Il cupo messaggio del Dr. Walensky è arrivato in un momento di crescente ansia e confusione, specialmente tra i genitori di bambini piccoli che non sono ancora idonei a fare l’iniezione. E ha sottolineato quanto velocemente l’ultima impennata della pandemia abbia sconvolto gli americani che avevano iniziato a credere che il peggio fosse passato, inviando politici e funzionari della sanità pubblica a ricalibrare le loro risposte.

“Questo è come il momento in un film horror quando pensi che l’orrore sia finito e i titoli di coda stiano per scorrere”, ha detto il rappresentante Jamie Raskin, democratico del Maryland. “E tutto ricomincia di nuovo”.

La scelta di milioni di persone di rifiutare il vaccino ha avuto le conseguenze che i funzionari della sanità pubblica avevano previsto: Il numero di nuovi casi nel paese è aumentato di quasi il 250 per cento dall’inizio del mese, con una media di più di 45.000 infezioni diagnosticate ogni giorno durante la scorsa settimana – rispetto alle 12.800 del 1 luglio.

La malattia causata dal virus sta causando circa 250 morti al giorno – molto meno che durante i picchi dell’anno scorso, ma ancora il 42 per cento in più rispetto a due settimane fa. Più del 97 per cento dei ricoverati non sono vaccinati, ha detto il dottor Walensky la scorsa settimana.

I vaccini rimangono efficaci contro i peggiori esiti del Covid-19, compresi quelli della variante Delta. Gli esperti dicono che le infezioni di svolta nelle persone vaccinate sono finora ancora relativamente poco comuni.

La crisi della salute pubblica è particolarmente acuta nelle parti del paese dove i tassi di vaccinazione sono i più bassi. In Louisiana, Mississippi, Alabama e Florida, il numero di nuovi casi giornalieri è aumentato di oltre il 200 per cento nelle ultime due settimane, portando nuovi ricoveri e morti quasi esclusivamente tra i non vaccinati. Le unità di cura intensiva sono piene o si stanno riempiendo nel sud del Missouri e nel nord dell’Arkansas.

La svolta sta costringendo entrambi i partiti politici di Washington a confrontarsi – finora in modo esitante e incerto – con le domande su quale tono dovrebbero colpire, quale guida dovrebbero fornire e quali cambiamenti devono fare per affrontare l’ultima iterazione della peggiore crisi di salute pubblica in un secolo.

L’aumento delle infezioni e dei ricoveri in alcune parti del paese, anche se limitato per lo più a persone che hanno scelto di non essere vaccinate, ha presentato il signor Biden con una sfida in evoluzione che potrebbe minacciare la ripresa economica e la sua stessa posizione politica.

The COVID-19 contact tracing smartphone app of Britain's National Health Service (NHS) is displayed on an iPhone in this illustration photograph taken in Keele, Britain, last year.Credito…Carl Recine/Reuters

LONDRA – Stazioni di servizio chiuse, raccolta dei rifiuti annullata e scaffali dei supermercati spogliati di cibo, acqua e altri beni essenziali.

In una settimana in cui il primo ministro Boris Johnson ha promesso all’Inghilterra un ritorno alla normalità dopo la fine di mesi di regole di isolamento, una nazione stanca del coronavirus è stata invece colpita da una nuova crisi.

Questa è stata chiamata la “pingdemic.”

Con il numero di casi di virus che aumentano di nuovo, centinaia di migliaia di persone sono state avvisate – o pingiate – da un’applicazione telefonica sponsorizzata dal governo che chiede loro di auto-isolarsi per 10 giorni perché erano in contatto con qualcuno che era risultato positivo.

Nella settimana dall’8 al 15 luglio, più di 600.000 avvisi sono stati emessi dall’app, mettendo a dura prova molte aziende e servizi pubblici.

I supermercati hanno avvertito di carenze di personale, così come le imprese di trasporto, e la British Meat Processors Association ha detto che dal 5 al 10 per cento della forza lavoro di alcune delle sue aziende era stato pinged. Se la situazione si deteriora ulteriormente, alcuni saranno costretti a iniziare a chiudere le linee di produzione, ha detto.

Così tanti lavoratori sono stati colpiti che alcuni business hanno chiuso i battenti o iniziato una ricerca disperata di nuovo personale, e una battaglia politica è scoppiata con l’opposizione Labour Party avvertendo di “un’estate di caos” dopo dichiarazioni contraddittorie dal governo su come rispondere se pinged.

Quelli notificati dalla app non sono tenuti per legge a isolare ma la posizione ufficiale del governo è che li vuole fare così. Giovedì, stava progettando di pubblicare una lista di lavoratori critici da esentare dall’auto-isolamento al fine di mantenere le cose in esecuzione.

Questo ha seguito un avvertimento del sindaco di Londra, Sadiq Khan, di possibili interruzioni della rete di trasporto della capitale, forniture alimentari e servizi di raccolta dei rifiuti. Una forza di polizia nelle West Midlands ha detto di essere stata colpita da carenze di personale. I negozi hanno fatto appello ai clienti di non indulgere in acquisti di panico, e ci sono state persino richieste al governo di considerare l’uso dell’esercito per aiutare a colmare la carenza di autisti di camion.

“Sembra esserci un caos totale nel cuore del governo al momento: Avete ministri che non parlano dallo stesso copione, e questo suggerisce che non c’è un copione”, ha detto Tim Bale, professore di politica alla Queen Mary University di Londra, aggiungendo che era ovvio che un aumento del numero di casi – che il governo stesso aveva previsto – significherebbe più persone che vengono colpite.

Questo non era quello che il governo sperava quando ha eliminato la maggior parte delle restrizioni legali sul coronavirus in Inghilterra lunedì, un momento salutato come “Freedom Day” dai tabloid.

Camp Pontiac in Copake, N.Y.Credit…Cindy Schultz per il New York Times

L’epidemia a Camp Pontiac, un campo estivo a nord di New York, è iniziata nei dormitori delle ragazze. Le infermiere, preoccupate che i giovani campeggiatori mostrassero i sintomi del Covid-19, hanno iniziato a somministrare test. Sabato scorso, uno è risultato positivo.

Ne sono seguiti altri: A partire da giovedì mattina, 31 dei 550 campeggiatori del campo erano risultati positivi al virus, ha detto Jack Mabb, il direttore sanitario della contea di Columbia, dove si trova il campo.

Tutti i 31 bambini hanno meno di 12 anni e nessuno di loro era seriamente malato, ha detto il signor Mabb.

L’epidemia di New York è uno dei recenti cluster di Covid-19 legati al campo negli Stati Uniti questa estate. In Texas, più di 125 adolescenti e adulti in un campo gestito dalla chiesa sono risultati positivi dopo un evento interno. Il dipartimento della salute del Kansas ha segnalato molteplici focolai legati ai campi nello stato e intorno ad esso. L’Illinois ha riportato più di 80 casi, la maggior parte dei quali tra gli adolescenti, in un campo estivo.

Quei focolai, in generale, sono arrivati in stati con tassi di vaccinazione più bassi dello stato di New York, dove il 74% degli adulti e il 62% di tutti i residenti hanno ricevuto almeno una dose di vaccino.

Camp Pontiac, situato a Copake, N.Y., si trova circa 110 miglia a nord di New York City su 150 acri ai piedi del Berkshires.

Il campo non chiuderà nonostante l’epidemia, ha detto il signor Mabb.

A healthcare worker administered a coronavirus test last week in Los Angeles.Credit…Mario Tama/Getty Images

Mentre la variante Delta si diffonde attraverso gli Stati Uniti, i rapporti delle cosiddette infezioni di svolta in persone vaccinate sono diventati sempre più frequenti – tra cui, più recentemente, quando almeno sei democratici del Texas e un assistente dello Speaker Nancy Pelosi sono risultati positivi.

La variante altamente contagiosa, combinata con la quasi assenza di restrizioni preventive, sta alimentando un rapido aumento dei casi in tutti gli stati, e ricoveri in quasi tutti loro. Ora rappresenta circa l’83% delle infezioni diagnosticate negli Stati Uniti.

Ma per quanto preoccupante possa sembrare la tendenza, le infezioni di svolta nelle persone vaccinate sono ancora relativamente poco comuni, hanno detto gli esperti, e quelle che causano gravi malattie, ricovero o morte ancora di più. Più del 97 per cento delle persone ricoverate per Covid-19 non sono vaccinate.

“Il messaggio di partenza rimane, se sei vaccinato, sei protetto”, ha detto il dottor Celine Gounder, uno specialista di malattie infettive al Bellevue Hospital Center di New York. “Non si finisce con una malattia grave, l’ospedalizzazione o la morte”.

I rapporti di infezioni di svolta non dovrebbero essere presi per significare che i vaccini non funzionano, il dottor Anthony S. Fauci, il principale consigliere per la pandemia dell’amministrazione Biden, ha detto giovedì.

“In nessun modo significa che si ha a che fare con un vaccino fallito”, ha detto. “Il successo del vaccino si basa sulla prevenzione della malattia”.

Ancora, le persone vaccinate possono venire giù con infezioni, per la maggior parte asintomatiche o lievi. Questo può essere una sorpresa per gli americani vaccinati, che spesso presumono di essere completamente protetti dal virus. E le infezioni di svolta sollevano la possibilità, ancora irrisolta, che le persone vaccinate possano diffondere il virus.

Dato il rigonfiamento del virus in gran parte del paese, alcuni scienziati dicono che è il momento per le persone vaccinate di considerare di indossare maschere al chiuso e in spazi affollati come metropolitane, centri commerciali o sale da concerto – una raccomandazione che va oltre le attuali linee guida del Centers for Disease Control and Prevention, che raccomanda il mascheramento solo per le persone non vaccinate.

L’agenzia non prevede di cambiare le sue linee guida a meno che non ci sia un cambiamento significativo nella scienza, ha detto un funzionario federale che parla a condizione di anonimato perché non è stato autorizzato a parlare in materia.

La guida dell’agenzia dà già ai leader locali la latitudine di regolare le loro politiche in base ai tassi di trasmissione nelle loro comunità, ha aggiunto. Citando l’aumento della variante Delta, i funzionari sanitari in diverse giurisdizioni della California stanno già sollecitando un ritorno al mascheramento interno; la contea di Los Angeles lo sta richiedendo.

“Le cinture di sicurezza riducono il rischio, ma abbiamo ancora bisogno di guidare con attenzione”, ha detto il dottor Scott Dryden-Peterson, un medico di malattie infettive ed epidemiologo al Brigham & Women’s Hospital di Boston. “Stiamo ancora cercando di capire cosa sia ‘guidare con attenzione’ nell’era Delta, e cosa dovremmo fare”.

L’incertezza su Delta deriva in parte da come differisce dalle versioni precedenti del coronavirus. Anche se il suo modo di trasmissione è lo stesso – è inalato, di solito in spazi chiusi – Delta è pensato per essere circa due volte più contagioso del virus originale.

Significativamente, le prime prove suggeriscono anche che le persone infettate con la variante Delta possono portare circa mille volte più virus di quelli infettati dal virus originale. Anche se questo non sembra significare che si ammalino di più, probabilmente significa che sono più contagiosi e più a lungo.

Anche la dose conta: Una persona vaccinata esposta a una bassa dose di coronavirus può non infettarsi mai, o non in modo evidente. Una persona vaccinata esposta a carichi virali estremamente alti della variante Delta è più probabile che trovi le sue difese immunitarie sopraffatte.

Il problema peggiora con l’aumento dei tassi di trasmissione comunitaria, perché le esposizioni in dose e numero aumenteranno. I tassi di vaccinazione nel paese sono in stallo, con meno della metà degli americani completamente immunizzati, dando al virus molto spazio per diffondersi.

Ali Allawi and his daughters Lana and Mila Allawi wore protective face masks as they fed birds on the Georgetown waterfront during a Sunday afternoon outing in Washington, D.C., last week.Credit…Sarah Silbiger per il New York Times

Mentre la variante Delta si diffonde tra i non vaccinati, anche molte persone completamente vaccinate stanno iniziando a preoccuparsi. È tempo di mascherarsi di nuovo?

Mentre non c’è una risposta univoca alla domanda, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che le maschere rimangono una saggia precauzione in certi ambienti sia per i vaccinati che per i non vaccinati. Ecco le risposte alle domande più comuni su come proteggersi e abbassare il rischio di un’infezione.

Per decidere se una maschera è necessaria, poniti prima queste domande.

  • Anche le persone con cui sto sono vaccinate?

  • Qual è il tasso di casi e il tasso di vaccinazione nella mia comunità?

  • Sarò in uno spazio interno poco ventilato o all’esterno? L’aumento del rischio di esposizione durerà per pochi minuti o per ore?

  • Qual è il mio rischio personale (o il rischio per coloro che mi circondano) di complicazioni da Covid-19?

Gli esperti concordano sul fatto che se tutti coloro che sono con te sono vaccinati e senza sintomi, non c’è bisogno di indossare una maschera.

“Non indosso una maschera per uscire con altre persone vaccinate”, ha detto il dottor Ashish K. Jha, preside della Brown University School of Public Health. “Non ci penso nemmeno. Vado in ufficio con un gruppo di persone e sono tutti vaccinati. Non me ne preoccupo”.

La risposta dipende dalla tua personale tolleranza al rischio e dal livello di vaccinazioni e casi di Covid-19 nella tua comunità. Più tempo si passa con persone non vaccinate in spazi chiusi per lunghi periodi di tempo, più alto è il rischio di incrociare i percorsi con la variante Delta, o qualsiasi altra variante che può spuntare.

Ma anche con la variante Delta, la vaccinazione completa sembra essere circa il 90% efficace nel prevenire gravi malattie e l’ospedalizzazione da Covid-19. Se sei ad alto rischio di complicazioni da Covid-19, tuttavia, dovresti considerare di evitare situazioni rischiose e di indossare una maschera quando lo stato di vaccinazione di coloro che ti circondano è sconosciuto.

Le infezioni da rottura ricevono molta attenzione perché le persone vaccinate ne parlano sui social media. Quando si verificano gruppi di infezioni di svolta, sono anche riportati nelle riviste scientifiche o nei media.

Ma è importante ricordare che mentre i casi di svolta sono relativamente rari, possono ancora verificarsi non importa quale vaccino si ottiene.

“Nessun vaccino è efficace al 100% nel prevenire la malattia nelle persone vaccinate,” il C.D.C. afferma sul suo sito web. “Ci sarà una piccola percentuale di persone completamente vaccinate che ancora si ammalano, vengono ricoverate in ospedale o muoiono di Covid-19.”

A security agent checked visitors’ health passes in front of the entrance of the Louvre museum in Paris on Wednesday.Credit…Sarah Meyssonnier/Reuters

Con la variante Delta del coronavirus che si diffonde rapidamente e il ritmo delle vaccinazioni che rallenta, la Francia e ora l’Italia hanno scelto di ricorrere a un nuovo strumento: ordinare alle persone che cercano di entrare nella maggior parte dei luoghi pubblici – compresi ristoranti, cinema e impianti sportivi – di fornire i pass sanitari.

Per partecipare alla vita pubblica, le persone in questi paesi devono dimostrare di essere state vaccinate o di aver avuto un test negativo nelle ultime 48 ore.

Il sistema della Francia deve ancora entrare pienamente in vigore, e l’Italia ha appena annunciato la sua decisione giovedì, quindi è difficile sapere come funzionerà in pratica o quale impatto avrà.

Ma il solo annuncio della nuova misura in Francia ha portato a una corsa di persone che si sono fatte l’iniezione.

Più di 3,7 milioni di persone hanno prenotato un appuntamento per la prima iniezione nella settimana dopo che il presidente del paese, Emmanuel Macron, ha annunciato il piano in un discorso del 12 luglio. Quasi il 50 per cento della popolazione è ora completamente vaccinata.

La mossa è stata anche accolta con un contraccolpo, come più di 100.000 persone hanno marciato per le strade lo scorso fine settimana per protestare contro quello che dicono essere un eccesso di governo.

Ancora, mentre gli Stati Uniti affrontano il proprio aumento di casi di coronavirus guidati dalla variante Delta, le autorità locali, statali e federali stanno cercando modi per aumentare l’adozione del vaccino.

Una politica nazionale che si basa sullo stato del vaccino per circoscrivere il comportamento sarebbe difficile da adottare per gli Stati Uniti. L’approccio del paese alla pandemia è sempre stato altamente decentralizzato. Dai mandati per le maschere ai requisiti per i test, non c’è mai stata una politica federale universale che sia stata imposta in tutti i 50 stati. Allo stesso modo, l’America non ha una prova standard di vaccinazione riconosciuta a livello nazionale.

L’Unione Europea, d’altra parte, ha recentemente presentato un “Digital Green Pass”, che mostra lo stato di vaccinazione di una persona. È riconosciuto da tutte le nazioni del blocco e ha già facilitato i viaggi tra le nazioni, permettendo allo stato del vaccino di giocare un ruolo nelle restrizioni all’ingresso.

In Gran Bretagna, dove il primo ministro Boris Johnson ha recentemente invertito quella che era stata una posizione dura contro il far provare alle persone il loro stato di salute per entrare nei luoghi sociali e culturali, c’è una app riconosciuta a livello nazionale dal servizio sanitario nazionale che può essere utilizzata per controllare rapidamente lo stato delle vaccinazioni.

Ma c’è una feroce resistenza politica all’idea di adottare regole obbligatorie intorno a un pass sanitario quando si tratta di vita sociale e culturale in Gran Bretagna. Il discorso del signor Johnson di un’inversione ha scatenato l’indignazione di molti legislatori ed è improbabile che qualsiasi nuovo programma sia considerato fino a settembre, quando tutti gli adulti avranno avuto la possibilità di essere vaccinati.

Per mesi, gli Stati Uniti e i governi locali hanno offerto una panoplia di incentivi per convincere le persone a fare l’iniezione.

A maggio, Ohio, Colorado e Oregon erano tra gli stati che offrivano 1 milione di dollari di premi della lotteria per le persone che avevano il jab. I premi grandi e piccoli – compresa la birra gratis nella contea di Erie, N.Y. e la cena con il governatore del New Jersey – possono aver spinto alcuni ad essere vaccinati, ma il ritmo medio delle vaccinazioni è diminuito di oltre l’80% da metà aprile.

I tentativi di mandati da parte dell’industria privata sono stati accolti con sfide giudiziarie.

Un giudice federale ha sostenuto il requisito dell’Indiana University per la vaccinazione, respingendo gli argomenti degli studenti che sostenevano che il mandato fosse incostituzionale.

Il tentativo del C.D.C.Il tentativo del C.D.C. di imporre mandati all’industria delle crociere è ora combattuto in un tribunale federale dopo che lo stato della Florida ha sfidato le regole.

Anche gli sforzi degli ospedali privati di richiedere agli operatori sanitari di essere vaccinati sono stati sfidati.

Ma mentre una politica nazionale simile a quelle in Francia e ora in Italia può essere improbabile, resta da vedere se gli stati cercheranno di trovare i propri modi per aumentare i tassi di vaccinazione – non con la prospettiva di premi ma con le minacce di rendere la vita più difficile a coloro che non vogliono essere vaccinati.

People walked past a sign telling customers that masks were required for entry on Sunday, on the first day the mask mandate was reintroduced in Los Angeles.Credit…Jenna Schoenefeld per il New York Times

La settimana scorsa, esattamente un mese dopo che i californiani si sono esaltati per la grande riapertura dello stato, i funzionari della contea di Los Angeles hanno annunciato che le maschere sarebbero state richieste, ancora una volta, negli ambienti pubblici chiusi.

La mossa, che è venuta in risposta alla diffusione esplosiva della variante Delta del coronavirus, è stata una battuta d’arresto emotiva per gli abitanti di Los Angeles, che hanno vissuto con severe restrizioni pandemiche per più di un anno.

Ho parlato con Barbara Ferrer, il direttore della sanità pubblica della contea, su ciò che ci aspetta e perché il suo ufficio ha deciso di tornare al mascheramento obbligatorio al chiuso. Ecco la nostra conversazione, leggermente modificata e condensata.

Per prima cosa, Dr. Ferrer, può spiegare perché è stato necessario mettere in atto il mandato piuttosto che continuare con la guida della maschera?

Eravamo speranzosi che più persone avrebbero mascherato in casa con la raccomandazione. Con la variante Delta, la situazione è cambiata. Non credo che avremmo visto un aumento dei casi senza la variante Delta.

Per tutto il tempo, questo dipartimento è stato molto chiaro che stiamo raccomandando di mascherarsi in casa a causa di ciò che abbiamo visto in altri paesi con questa variante.

Ora che ne sappiamo di più, è il momento di rendere obbligatoria la maschera in casa.

Quanto è il mandato di mascheratura al chiuso inteso a prevenire la diffusione del virus tra gli Angelenos non vaccinati contro la prevenzione di quelli che sono stati vaccinati dall’ammalarsi?

Penso sia entrambi. Non si vuole un sacco di trasmissione comunitaria perché porta a più mutazioni. Come abbiamo visto con la variante Delta, mentre i vaccini sono super potenti, sono ridotti. Ma la perdita di vite umane e le conseguenze più gravi per la salute sono vissute di gran lunga dalle persone non vaccinate.

Siete preoccupati di minare la fiducia nel vaccino o la fiducia nei funzionari della sanità pubblica?

Questo è un nuovo virus. Ogni volta che abbiamo una nuova esplosione attribuita alla nuova variante, stiamo un po’ ricominciando nel senso che dobbiamo valutare come sta interagendo con gli esseri umani.

Un sacco di gente si aggrappa all’ottica: Togliti la maschera, per dimostrare che siamo di nuovo al sicuro. Questo non è mai stato vero. Assolutamente, le persone che sono completamente vaccinate hanno molta più protezione, ma continueremo ad avere varianti. Questa è la nostra realtà.

President Jair Bolsonaro of Brazil has disparaged vaccines and the use of face masks.Credito…Adriano Machado/Reuters

YouTube ha rimosso mercoledì i video del presidente brasiliano Jair Bolsonaro per aver diffuso disinformazione sul Covid-19, diventando l’ultima piattaforma internet ad agire contro un leader il cui paese ha uno dei più alti numeri di morti al mondo, ma che ha denigrato i vaccini e l’uso di maschere e chiamato i governatori “tiranni” per aver ordinato chiusure.

YouTube, che ha giocato un ruolo importante nell’ascesa al potere del signor Bolsonaro e dice che è più ampiamente seguito in Brasile di tutti i canali televisivi tranne uno, ha detto in una dichiarazione che il presidente aveva violato le politiche della società sulla disinformazione sui vaccini, compresa la promozione di cure non provate.

“Le nostre politiche non consentono contenuti che affermano che l’idrossiclorochina e/o l’Ivermectina sono efficaci per trattare o prevenire il Covid-19, afferma che c’è una cura garantita per il Covid-19, e afferma che le maschere non funzionano per prevenire la diffusione del virus”, ha detto YouTube in un comunicato. “Questo è in linea con la guida delle autorità sanitarie locali e globali, e noi aggiorniamo le nostre politiche come i cambiamenti di orientamento”.

Come l’ex presidente Donald J. Trump, il signor Bolsonaro ha testato la tendenza delle piattaforme di social media per consentire alle principali figure politiche di fare affermazioni che sarebbe probabile ottenere altri utenti censurati.

L’anno scorso, Facebook ha rimosso le dichiarazioni del signor Bolsonaro dopo aver promosso l’idrossiclorochina come cura per il virus. Intorno allo stesso tempo, Twitter ha cancellato i post del presidente brasiliano di estrema destra per aver spinto falsi rimedi e aver chiesto la fine del distanziamento sociale.

YouTube ha detto che applica le politiche in modo coerente in tutta la piattaforma, indipendentemente dalla persona o dalla visione politica.

Il servizio di video-sharing ha affrontato la pressione durante la pandemia per fare di più per limitare la diffusione di disinformazione legata al Covid. A novembre, ha emesso una sospensione di una settimana di One America News Network, un canale di notizie di destra, dopo aver rimosso un video che ha detto che violava le sue politiche di disinformazione Covid.

Criticato in patria e all’estero per la sua risposta alla pandemia di coronavirus, il Brasile ha subito alcuni dei peggiori effetti della pandemia. Mentre più di 545.000 persone sono morte a causa della malattia, il signor Bolsonaro ha continuato a minimizzare la sua importanza, ridicolizzando le persone che indossano maschere e dichiarando che non ha intenzione di ottenere un vaccino.

Il canale YouTube del signor Bolsonaro è una presa popolare per il presidente per condividere le sue opinioni sulla pandemia. In un programma settimanale in cui il presidente prende domande dagli spettatori, il presidente ha fatto esplodere gli ordini di blocco e ha elogiato cure non provate.

A partire da giovedì, il canale ha avuto 3,44 milioni di abbonati.

A shipment of AstraZeneca vaccines that arrived under the Covax initiative was unloaded at Bole International Airport in Addis Ababa, Ethiopia, in March. The E.U. has promised to donate vaccines to low- and middle-income countries.Credit…Tiksa Negeri/Reuters

L’Unione Europea si è impegnata giovedì a raddoppiare la quantità di vaccini Covid che donerà ai paesi a basso e medio reddito a 200 milioni entro la fine dell’anno, hanno detto i funzionari.

“La vaccinazione è fondamentale”, ha detto Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Europea, in una dichiarazione. “Ecco perché è essenziale garantire l’accesso ai vaccini Covid-19 ai paesi di tutto il mondo”

Ad oggi, solo l’1,1% delle persone nei paesi a basso reddito ha ricevuto almeno un’iniezione del vaccino, secondo i dati del progetto Our World in Data dell’Università di Oxford.

Le donazioni saranno distribuite principalmente attraverso Covax, l’iniziativa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per condividere i vaccini con il mondo in via di sviluppo.

Dopo essere inizialmente rimasta indietro rispetto ad altre parti sviluppate del mondo, la campagna di vaccinazione dell’Europa ha guadagnato una notevole velocità nelle ultime settimane.

Oltre il 67% della popolazione è ora vaccinata con almeno una dose, e il 53% è completamente immunizzato, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Dopo aver lottato con problemi di approvvigionamento quest’inverno, la Commissione Europea ha detto all’inizio di questo mese che gli stati membri avranno tutti abbastanza dosi per raggiungere l’obiettivo di immunizzare completamente il 70% di tutti i residenti adulti entro la fine di luglio.

La somministrazione dei vaccini rimane dipendente da ogni governo nazionale, e ci sono notevoli divergenze tra i livelli di vaccinazione nei paesi membri dell’E. U.U., che vanno dal 65,5% dei residenti che sono completamente vaccinati in Irlanda, al 16,5% in Bulgaria.

A woman got a haircut at a salon in Glasgow after Scotland eased some coronavirus restrictions in April. Scotland is taking a conservative approach and keeping many restrictions in place despite the lifting of all restrictions in England as of Monday.Credit…Jeff J Mitchell/Getty Images

EDINBURGH, Scozia – “Freedom Day” significa qualcosa di diverso a nord del confine inglese, quindi forse non è stato sorprendente che la Scozia, di stampo indipendentista, abbia rifiutato di allinearsi all’inizio di questa settimana quando il primo ministro britannico Boris Johnson ha eliminato praticamente tutte le restrizioni rimanenti sul coronavirus in Inghilterra.

Mentre le autorità scozzesi hanno seguito l’Inghilterra nel rilassare le restrizioni – i tabloid britannici lo hanno proclamato “Freedom Day” – i locali notturni di Edimburgo e di altre città rimangono chiusi; le maschere per il viso sono obbligatorie nei pub e nei negozi; e il governo ha detto alla gente di stare a un metro di distanza l’uno dall’altro e continuare a lavorare da casa.

È l’ultimo esempio di una divergenza che risale all’inizio della pandemia. Il leader nazionalista scozzese, Nicola Sturgeon, un politico il cui grido di battaglia è la libertà dal Regno Unito, ha spesso adottato un approccio più cauto e deliberato al virus rispetto al più a ruota libera Mr. Johnson.

Questa volta, però, potrebbe rivelarsi un bivio decisivo. In un rapporto in cui così tanto è rifratto attraverso il prisma del nazionalismo scozzese, la posizione conservatrice della signora Sturgeon potrebbe pagare politicamente, soprattutto se l’esperimento del signor Johnson si ritorce contro.

22virus briefing colds summer articleLarge - Covid-19 Aggiornamenti in diretta: Le ultime sul vaccino e la variante - The New York TimesCredito…Getty Images

Sì, la stagione estiva del raffreddore e della tosse è davvero peggiore del solito.

“Ho avuto brutti raffreddori, ma non ho mai sperimentato un virus come questo”, ha detto Holly Riddel, 55 anni, un imprenditore di Redondo Beach, Calif, che soffre di congestione, orecchie intasate e gola rauca da circa due settimane. “Voglio che questo sparisca. Non sono stato in grado di allenarmi. Non mi sento me stesso”.

Mesi di restrizioni pandemiche mirate a Covid-19 hanno avuto l’effetto non voluto ma gradito di fermare la diffusione dell’influenza, del raffreddore e di altri virus. Ma ora che le maschere sono state tolte e sono tornati gli incontri sociali, gli abbracci e le strette di mano, anche i virus che causano nasi gocciolanti, teste soffocate, tosse e starnuti sono tornati con una vendetta.

“Era un brutto raffreddore al petto – congestione toracica, una tosse sferragliante”, ha detto Laura Wehrman, 52 anni, un supervisore del guardaroba per il cinema e la televisione, che ha preso un virus di una settimana dopo aver volato a New York da Austin alla fine di giugno per visitare amici. Anche se è completamente vaccinata contro il Covid-19, ha fatto diversi test per essere sicura di non essere infettata. Alla fine un medico ha confermato che si trattava di un rhinovirus, un comune virus del raffreddore. Ha detto che anche molti altri suoi amici sono stati malati con raffreddori e tosse.

Gli esperti di malattie infettive dicono che ci sono una serie di fattori che alimentano questa estate calda e starnutente. Mentre gli arresti pandemici hanno protetto molte persone da Covid-19, i nostri sistemi immunitari hanno perso l’allenamento quotidiano di essere esposti a una moltitudine di microbi quando abbiamo pendolare su metropolitane, speso tempo in ufficio, riunito con gli amici e inviato i bambini all’asilo nido e alla scuola.

Anche se il vostro sistema immunitario è probabilmente forte come lo è sempre stato, se non è stato avvisato di un intruso microbico in un po’, può richiedere un po’ più di tempo per essere stimolato quando sfidato da un patogeno di nuovo, dicono gli esperti. E mentre alcune esposizioni virali nel nostro passato hanno conferito un’immunità duratura, altre malattie possono averci dato solo un’immunità transitoria che è scemata mentre ci isolavamo a casa.

Tra i maggiori aumenti:

20192020Chiamate telefoniche5 min.8 min.Cura del prato e del giardino12 min.16 min.Relax e tempo libero3.9 ore4.6 oreSport, esercizio e ricreazione19 min.22 min.Lavori domestici32 min.36 min.Preparazione del cibo e pulizia37 min.40 min.Cura degli animali e degli animali domestici7 min.8 min.Dormire8.8 ore9 ore

Tra le maggiori diminuzioni:

20192020Gestione della casa11 min.11 min.Cura dei bambini in famiglia (come obiettivo principale)20 min.19 min.Lavorare3.2 ore3 oreToelettatura41 min.36 min.Viaggi legati agli acquisti dei consumatori14 min.12 min.Socializzare e comunicare36 min.30 min.Shopping21 min.17 min.Viaggi legati al lavoro16 min.11 min.

La pandemia ha sconvolto ogni aspetto della vita quotidiana l’anno scorso – lavoro, tempo libero, persino il sonno. I nuovi dati del governo dipingono il quadro più dettagliato di quanto siano state fondamentali quelle interruzioni.

Gli americani hanno trascorso quasi 10 ore di veglia al giorno a casa nel 2020, rispetto a meno di otto ore al giorno nel 2019. Hanno fatto meno i pendolari (in media 11 minuti al giorno nel 2020, in calo dai 16 minuti al giorno nel 2019), hanno fatto meno shopping (17 minuti nel 2020, in calo da 21) e si sono allenati di più (22 minuti, in aumento da 19).

E, forse non sorprendentemente in un anno di vacanze cancellate e chiusure imposte dal governo, hanno passato molto più tempo da soli – quasi un’ora al giorno in più rispetto al 2019. Gli anziani, in particolare, hanno trascorso più di otto ore al giorno da soli nel 2020.

Questi numeri provengono dall’American Time Use Survey, che ogni anno chiede a migliaia di persone di tracciare, minuto per minuto, come trascorrono la loro giornata. Normalmente, i cambiamenti sono piccoli da un anno all’altro. Non questa volta.

Alcuni dei cambiamenti più significativi sono quelli che riflettono la natura unica della pandemia. L’anno scorso la gente ha passato più tempo a parlare al telefono e meno tempo a socializzare fuori casa. Hanno passato più tempo a prendersi cura dei loro prati e meno tempo a curare il loro aspetto personale. E, naturalmente, hanno passato molto più tempo a lavorare da casa: Circa il 42% degli adulti occupati stavano lavorando a casa in un dato giorno nel 2020, quasi il doppio della quota del 2019.

Per alcune persone, le interruzioni sono state molto più fondamentali. I licenziamenti di massa hanno significato che milioni di persone in meno avevano un lavoro nel 2020, spingendo verso il basso il tempo medio trascorso a lavorare di 17 minuti in media. (Tra coloro che hanno mantenuto il loro lavoro, c’è stato un piccolo cambiamento nella quantità di tempo in cui hanno lavorato).

I genitori con figli in età scolare hanno speso una media di 1,6 ore in più al giorno per la “cura secondaria dei bambini” – il tempo trascorso a prendersi cura dei bambini mentre si fanno anche altre cose, come lavorare. (La cura “primaria” dei bambini, il tempo speso a prendersi cura dei bambini senza impegnarsi in altre attività, è cambiata di poco) Le donne si sono fatte carico di più di quell’onere rispetto agli uomini: Le donne con figli in età scolare trascorrevano più di sette ore al giorno con i bambini a loro carico, rispetto a meno di cinque ore per gli uomini.

La pandemia ha anche influenzato i dati stessi: Il governo ha messo il sondaggio in attesa da metà marzo a metà maggio, quindi i numeri non riflettono il periodo più intenso di chiusure e chiusure di attività lo scorso anno. (Il rapporto pubblicato giovedì confronta il periodo da metà maggio alla fine dell’anno nel 2020 con lo stesso periodo del 2019.)

A gravedigger rested after the burial of a Covid victim in Bogor, West Java province, Indonesia, earlier this month. Indonesia is struggling to cope with a devastating wave of cases driven by the Delta variant.Credito…Willy Kurniawan/Reuters

La diffusione della variante Delta, super contagiosa, ha richiesto nuove restrizioni in tutto il mondo e ha stimolato nuovi avvertimenti da parte dei funzionari della sanità pubblica.

Ecco alcune delle domande che la gente ha posto sulla variante.

Delta, precedentemente conosciuta come B.1.617.2, si ritiene che sia la variante più trasmissibile finora, più o meno due volte più contagiosa del virus originale. Altre prove suggeriscono che la variante può essere in grado di eludere parzialmente gli anticorpi prodotti dal corpo dopo un’infezione da coronavirus o una vaccinazione.

Ma molto è ancora sconosciuto o non provato, compreso se questa variante può causare malattie più gravi.

Delta è stato segnalato in 124 paesi, ed è ora la variante più comune in molti di essi.

È stato identificato per la prima volta negli Stati Uniti a marzo. Si è diffusa rapidamente. All’inizio di aprile, Delta rappresentava solo lo 0,1% dei casi negli Stati Uniti, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. L’agenzia ora stima che il numero ha colpito l’83,2 per cento.

Non è ancora chiaro. “Michael Osterholm, direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy dell’Università del Minnesota. In Gran Bretagna, dove la variante è diffusa, sono emersi rapporti che Delta può causare sintomi diversi da quelli di altre varianti.

Anche se non ci sono ancora buoni dati su come tutti i vaccini reggono contro Delta, due dosi di diversi colpi ampiamente utilizzati, compresi quelli fatti da Pfizer e BioNTech, Moderna e AstraZeneca, sembrano mantenere la maggior parte della loro efficacia contro la variante Delta, la ricerca suggerisce.

Anche con Delta, le infezioni di svolta, o le infezioni in persone che sono state completamente vaccinate, rimangono relativamente rare, credono gli scienziati, e tendono ad essere lievi o asintomatiche.

Dopo un lungo e costante declino, i casi sono di nuovo in aumento negli Stati Uniti, probabilmente alimentati da Delta.

Ma i numeri rimangono molto al di sotto del picco dello scorso inverno, e gli esperti non si aspettano che salgano ancora così in alto. “Penso che non vedremo un’altra grande ondata nazionale negli Stati Uniti perché abbiamo abbastanza vaccinazioni per evitarlo”, ha detto il mese scorso il dottor Michael Osterholm.

Fatevi vaccinare. Se sei già vaccinato, incoraggia la tua famiglia, gli amici e i vicini a vaccinarsi.

Le maschere facciali, che rimangono uno strumento particolarmente importante per coloro che non sono idonei o non hanno accesso ai vaccini, possono fornire una protezione aggiuntiva.

Video

trascrizione

Indietro

trascrizione

Il primo ministro australiano si scusa per il ritardo nel lancio dei vaccini

Il primo ministro australiano Scott Morrison si è assunto la responsabilità del programma vaccinale del paese, e si è scusato per il basso tasso di vaccinazione della popolazione. Un mese fa, solo il 5 per cento di coloro che avevano più di 16 anni erano completamente vaccinati.

Ora, come ho detto ieri, mi prendo la responsabilità del programma di vaccinazione. Mi prendo anche la responsabilità per le sfide che abbiamo avuto. Ovviamente alcune cose sono sotto il nostro controllo, altre no. E sono ansioso di assicurare, come lo siamo stati in questi molti mesi, che stiamo girando la situazione. Sono certamente dispiaciuto che non siamo stati in grado di raggiungere i risultati che avevamo sperato all’inizio di quest’anno. Naturalmente lo sono. Ma ciò che è più importante è che siamo totalmente concentrati nel garantire che stiamo girando la situazione. Questo è il tipo di paese in cui viviamo. La gente prende le proprie decisioni sulla propria salute e sul proprio corpo. Ecco perché non abbiamo la vaccinazione obbligatoria rispetto alla popolazione generale qui, perché la gente prende le proprie decisioni. E noi incoraggiamo le persone a prendere queste decisioni. Mettiamo a loro disposizione tutte le informazioni possibili. Noi tutti capiamo che con qualsiasi vaccino, ci sono fattori di rischio, e sono elencati e sono messi a disposizione delle persone e le persone prendono decisioni in merito.

Video player loadingIl primo ministro australiano Scott Morrison si è assunto la responsabilità del programma di vaccinazione del paese, e si è scusato per il basso tasso di vaccinazione della popolazione. Un mese fa, solo il 5 per cento di coloro che avevano più di 16 anni erano completamente vaccinati.CreditoCredito…Lukas Coch/EPA, via Shutterstock

Il primo ministro australiano Scott Morrison si è scusato giovedì per i ritardi nel programma di vaccinazione del paese, in mezzo alla crescente pressione per assumersi la responsabilità con metà della popolazione in isolamento a causa delle epidemie guidate dalla variante Delta.

“Sono certamente dispiaciuto che non siamo stati in grado di raggiungere i risultati che avevamo sperato all’inizio dell’anno, naturalmente lo sono”, ha detto il signor Morrison in una conferenza stampa. “Ma ciò che è più importante è che siamo totalmente concentrati a garantire che abbiamo girato questo intorno”.

All’inizio dell’anno, il signor Morrison aveva detto che mirava a vaccinare tutti coloro che volevano i colpi entro la fine di ottobre. L’obiettivo è stato rimandato alla fine dell’anno.

Un mese fa, solo il 5% degli australiani sopra i 16 anni era completamente vaccinato, uno dei tassi più bassi tra i paesi ricchi. Il signor Morrison ha detto che il programma aveva preso il ritmo e che il tasso era ora del 15 per cento, con il 36 per cento che ha ricevuto almeno morrison ha commentato che il Nuovo Galles del Sud, lo stato più popoloso dell’Australia, ha riportato 124 nuovi casi nella comunità – il suo più alto totale giornaliero finora – nella sua quarta settimana di isolamento. Il premier dello stato, Gladys Berejiklian, ha avvertito che lei “si aspettava che i numeri dei casi andassero ancora più in alto” perché molte persone erano state infettive mentre erano nella comunità.

Lo stato di Victoria, anche in isolamento, ha registrato 26 casi giornalieri, il più alto di quest’anno.

Mercoledì, il signor Morrison aveva rifiutato di scusarsi per il lancio del vaccino durante un’intervista radiofonica sulla stazione commerciale KIIS. Il conduttore, Jason Hawkins, gli ha chiesto di scusarsi ripetutamente, a un certo punto dicendo: “Scott, accetterei anche un ‘My bad, Jase.'”

Il primo ministro ha risposto: “Stiamo risolvendo il problema e andiamo avanti”.

The United States and other governments have pressed China to share more information, especially from the Wuhan Institute of Virology, above.Credito…Ng Han Guan/Associated Press

I funzionari cinesi hanno detto giovedì che erano scioccati e offesi da una proposta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di indagare ulteriormente se il coronavirus è emerso da un laboratorio di Wuhan, esponendo una crescente spaccatura sull’inchiesta sulle origini della pandemia.

Gli alti funzionari cinesi della sanità e della scienza hanno respinto con forza l’idea di aprire l’Istituto di virologia di Wuhan a nuove indagini dopo che il direttore generale dell’OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha esposto i piani per esaminare i laboratori nella città centrale di Wuhan, dove sono apparsi i primi casi di Covid-19 alla fine del 2019.

Zeng Yixin, il vice ministro della Commissione Nazionale Cinese per la Salute, ha detto in una conferenza stampa a Pechino di essere “estremamente scioccato” dal piano dell’OMS per rinnovare l’attenzione sulla possibilità che il virus sia trapelato da un laboratorio di Wuhan.

VideoVideo player loadingZeng Yixin, il vice ministro della Commissione Nazionale Cinese per la Salute, ha respinto la teoria che il coronavirus sia stato prodotto dall’uomo in un laboratorio dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha proposto di indagare ulteriormente sui laboratori di Wuhan.CreditCredit…Mark Schiefelbein/Associated Press

“Ho sentito che questo piano ha rivelato una mancanza di rispetto per il senso comune e un atteggiamento arrogante verso la scienza”, ha detto il signor Zeng. “Jen Psaki, l’addetto stampa della Casa Bianca, ha detto giovedì che “siamo profondamente delusi” dalla risposta della Cina, definendola “irresponsabile e francamente pericolosa”.

“Insieme ad altri stati membri in tutto il mondo continuiamo a chiedere alla Cina di fornire il necessario accesso ai dati e ai campioni, e questo è fondamentale per poter capire per prevenire la prossima pandemia”, ha continuato. “Si tratta di salvare vite umane in futuro, e non è il momento di fare ostruzionismo”.

Un’indagine congiunta della W.H.O. e della Cina ha trovato che ha detto che era “estremamente improbabile” che il coronavirus è sfuggito da un laboratorio di Wuhan, secondo un rapporto pubblicato a marzo. Molti scienziati dicono che il virus è probabilmente passato dagli animali alle persone attraverso la diffusione naturale in un mercato o in un ambiente simile.

Ma alcuni scienziati hanno detto che l’inchiesta iniziale è stata prematura nel respingere l’idea della fuga dal laboratorio. Gli Stati Uniti e altri governi hanno fatto pressione sulla Cina per condividere più informazioni, specialmente dall’Istituto di virologia di Wuhan.

Alla conferenza stampa di giovedì, diversi funzionari cinesi hanno affermato che l’inchiesta dell’OMS ha avuto ragione la prima volta, e che non c’erano prove per giustificare nuovi controlli dei laboratori. Gli investigatori dell’OMS dovrebbero invece concentrare la loro ricerca sui segni di trasmissione naturale, hanno detto, e sulla possibilità che il virus possa essersi diffuso fuori dalla Cina.

Negli ultimi giorni, un portavoce del ministero degli Esteri cinese e Global Times, una fonte di notizie supervisionata dal partito comunista cinese, sono andati anche oltre nel respingere le richieste di Pechino. Hanno ribadito le affermazioni – ampiamente respinte dagli scienziati – che il coronavirus potrebbe essere sfuggito da un laboratorio militare degli Stati Uniti. Una petizione organizzata da Global Times che chiede un’inchiesta sulla struttura americana sostiene di aver raccolto quasi sei milioni di firme.

Daniel E. Slotnik ha contribuito alla segnalazione.

Leggi l’articolo completo qui


Victor
L'autore: Victor

Ciao, mi chiamo Victor. Sono giornalista da circa 8 anni. Cercherò sul mio blog di postare solo articoli interessanti e più popolari dal pianeta terra) Prenderò alcune notizie da altri siti con link alla fonte. Se non volete che l'articolo sia sul sito - scrivetemi.

Victor
Ciao, mi chiamo Victor. Sono giornalista da circa 8 anni. Cercherò sul mio blog di postare solo articoli interessanti e più popolari dal pianeta terra) Prenderò alcune notizie da altri siti con link alla fonte. Se non volete che l'articolo sia sul sito - scrivetemi.