26.03.2021     Commenti disabilitati su Confcommercio, l’anno si chiude in deflazione
 

Confcommercio, l’anno si chiude in deflazione

(Teleborsa) – “Nonostante il moderato incremento rilevato in termini congiunturali (+0,3%), leggermente superiore a quanto previsto (+0,1), nel confronto annuo a dicembre permane la situazione di deflazione che si protrae da otto mesi. L’anno che si è appena concluso registra la terza variazione negativa dei prezzi dal 1954, dopo i casi del 1959 e del…


(Teleborsa) Nonostante il moderato incremento rilevato in termini congiunturali (+0, 3%), leggermente superiore per quanto definito (+0, 1), nel paragone annuo per dicembre permane la circostanza di deflazione che si protrae da otto mesi. Lanno quale si a stento concluso registra la terza variazione negativa dei quotazioni dal 1954, dopo i casi del 1959 e del 2016. Anche escludendo la principale determinante deflazionistica dovuta agli energetici, linflazione di fondo resta in qualunque modo allo 0, 5%, ben lontana dagli obiettivi della BCE.

E il critica dellUfficio Studi di Confcommercio su i dati Istat sui quotazioni al consumo che sottolinea come stante il permanere di una singola situazione eccezionalmente critica, non solo nel nostro Paese, sia difficoltoso immaginare impulsi sui quotazioni in grado di riportare linflazione su valori prossimi all1% preventivamente dellestate.
Da rilevare continua Confcommercio quale la filiera della distribuzione alimentare ha retto egregiamente lurto dellincremento di interrogativo dovuto alla diversione degli acquisti dalla ristorazione allalimentazione domestica quale interessa pi direttamente i negozi al dettaglio. Non si vengono effettuate verificate tensioni inflazionistiche, sostenendo cos il potere dacquisto delle famiglie.

A del mese di dicembre linflazione, misurata tramite lindice nazionale dei prezzi al consumo con lo scopo di lintera collettivit (NIC) al lordo dei tabacchi, ha registrato un aumento dello 0, 3% su basilari mensile e una diminuzione dello 0, 1% su base annua, secondo le stime preliminari diffuse dallIstat. In media, nel 2020 i quotazioni al consumo registrano una singola diminuzione pari a -0, 2% (da +0, 6% del 2019). Al netto degli energetici e degli alimentari giovani, i quotazioni al consumo crescono dello 0, 5% (come nellanno precedente) e al netto dei soli energetici dello 0, 7% (da +0, 6% del 2019).

(Foto: Alexas_Fotos da Pixabay )

Leggi l’ pezzo completo qui


Victor
L'autore: Victor

Ciao, mi chiamo Victor. Sono giornalista da circa 8 anni. Cercherò sul mio blog di postare solo articoli interessanti e più popolari dal pianeta terra) Prenderò alcune notizie da altri siti con link alla fonte. Se non volete che l'articolo sia sul sito - scrivetemi.

Victor
Ciao, mi chiamo Victor. Sono giornalista da circa 8 anni. Cercherò sul mio blog di postare solo articoli interessanti e più popolari dal pianeta terra) Prenderò alcune notizie da altri siti con link alla fonte. Se non volete che l'articolo sia sul sito - scrivetemi.