Gli Emirati Arabi Uniti incarcerano i promotori di schemi fraudolenti di criptovaluta per cinque anni, i trasgressori devono pagare oltre 270.000 dollari di multe

Gli Emirati Arabi Uniti incarcerano i promotori di schemi fraudolenti di criptovaluta per cinque anni, i trasgressori devono pagare oltre 270.000 dollari di multe

I truffatori che promuovono truffe di criptovaluta online negli Emirati Arabi Uniti (UAE) ora affrontano una possibile condanna a cinque anni di carcere più una multa fino a 272.000 dollari, secondo un rapporto. Le nuove misure, che entreranno in vigore il 2 gennaio 2022, fanno parte dello sforzo del governo per proteggere le persone dalle truffe online.

Nuove misure cercano di proteggere gli utenti di Internet

Come parte delle nuove leggi sulla sicurezza online degli Emirati Arabi Uniti che entreranno in vigore il 2 gennaio 2022, i promotori di truffe online sulle criptovalute ora affrontano un possibile termine di cinque anni di carcere e una multa massima di oltre 270.000 dollari.

Secondo un rapporto di The National News, le nuove misure sono una parte delle ampie riforme legali introdotte dal presidente del paese, Sheikh Khalifa, a novembre. Gli Emirati Arabi Uniti dicono che le leggi sono destinate a proteggere gli utenti di internet dalle frodi elettroniche e a preservare la privacy e i diritti personali.

Mentre gli Emirati Arabi Uniti avevano già leggi che vietavano la promozione delle criptovalute, secondo Hassan Elhais di Al Rowaad Advocates, queste leggi mancavano di disposizioni che permettessero alle autorità di penalizzare i trasgressori. Il rapporto cita Elhais che spiega come le nuove misure differiscono dalla legge precedente. Egli ha dichiarato:

Secondo l’articolo 48, pubblicare online annunci ingannevoli o dati inesatti su un certo prodotto sarà punibile con il carcere e/o una multa tra i 5.445 dollari (Dh20.000) e i 136.100 dollari (Dh500.000). La stessa pena si applica ai membri del pubblico che promuovono criptovalute non riconosciute dalle autorità del paese.

Per quanto riguarda le leggi degli EAU che cercano di migliorare la sicurezza online e la protezione delle persone dai crimini finanziari, Elhais ha detto che l’articolo 41 della nuova legge integra l’articolo precedente, che aveva obiettivi simili.

“Impone una pena di cinque anni di prigione e/o una multa tra 68.000 e 272.000 dollari contro coloro che promuovono valute elettroniche o società false per raccogliere denaro dal pubblico senza una licenza delle autorità competenti”, spiega Elhais.

Schemi di criptovalute false un problema crescente

Nel frattempo, il rapporto ha suggerito che il crescente interesse delle autorità degli Emirati Arabi Uniti nel proteggere il pubblico dalle truffe online segue un aumento del numero di schemi fraudolenti di criptovaluta. Per esempio, alla fine di maggio 2021, il governo è stato costretto a rilasciare una dichiarazione in cui si dissociava da “Dubai Coin.”

All’epoca, la dichiarazione sosteneva che il sito web che promuoveva la moneta truffa era in realtà un’elaborata campagna di phishing progettata per rubare informazioni personali. Allo stesso modo, l’applicazione della legge del paese ha anche avvertito i residenti di diffidare dei falsi schemi di criptovaluta che promettono ricchezza istantanea.

Quali sono i tuoi pensieri su questa storia? Dicci cosa ne pensi nella sezione commenti qui sotto.

Gli Emirati Arabi Uniti incarcerano i promotori di schemi fraudolenti di criptovaluta per cinque anni, i trasgressori devono pagare oltre 270.000 dollari di multe 1

Terence Zimwara

Terence Zimwara è un giornalista, autore e scrittore premiato in Zimbabwe. Ha scritto molto sui problemi economici di alcuni paesi africani e su come le valute digitali possono fornire agli africani una via di fuga.

Investors in Collapsed South African Crypto Platform Reimbursed a Portion of Invested Funds

Serbia Reviews License Applications From 3 Cryptocurrency Exchanges

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, o una raccomandazione o approvazione di qualsiasi prodotto, servizio o società. Bitcoin.com non fornisce consigli di investimento, fiscali, legali o contabili. Né l’azienda né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causata o presunta causata da o in connessione con l’uso o l’affidamento a qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.