I pakistani perdono milioni in una truffa di criptovalute, il Pakistan emette un avviso a Binance

Pakistanis Lose Millions to Crypto Scam, Pakistan Issues Notice to Binance

Gli investitori del Pakistan sono diventati vittime di una massiccia frode utilizzando le criptovalute. La principale agenzia di applicazione della legge del paese ha emesso un avviso al crypto exchange Binance in relazione alla truffa che ha portato alla perdita di 100 milioni di dollari per i pakistani, come rivelato dai media.

I truffatori attirano i pakistani a investire in criptovalute attraverso Binance

La Federal Investigation Agency (FIA) del Pakistan ha scoperto una truffa sugli investimenti in criptovalute che è presumibilmente costata ai cittadini pakistani circa 17,7 miliardi di rupie (circa 100 milioni di dollari). Fornendo dettagli sul caso, Imran Riaz, direttore dell’ala cybercrimine della FIA, ha detto venerdì che gli organizzatori hanno usato criptovalute. Citato dai media locali, Riaz ha annunciato:

Abbiamo lanciato una sonda dopo aver ricevuto denunce riguardanti una frode che coinvolge miliardi di rupie commesse utilizzando nove applicazioni online.

I truffatori hanno utilizzato applicazioni mobili che offrivano ai pakistani opportunità di investimento in criptovalute e le persone hanno inviato tra i 100 e gli 80.000 dollari, o una media di 2.000 dollari a persona. Gli investitori sono stati invitati a registrarsi su Binance, il principale scambio di criptovalute del mondo, e a trasferire il denaro dal portafoglio di Binance ai conti collegati alle applicazioni. Il 20 dicembre, le autorità sono state contattate da molti utenti che lamentavano che circa una dozzina di applicazioni avevano improvvisamente smesso di funzionare.

“Durante l’inchiesta, si è scoperto che i conti fraudolenti di diverse applicazioni, vale a dire, MCX, HFC, HTFOX, FXCOPY, OKMINI, BB001, AVG86C, BX66, 91fp, TASKTOK, erano collegati con i portafogli Binance”, i funzionari hanno dettagliato. Ognuno aveva una media di 5.000 clienti. La FIA ha emesso un avviso a Hamza Khan, identificato come rappresentante di Binance per il Pakistan, e lo ha convocato per comparire di persona il 10 gennaio.

“La FIA Cyber Crime Sindh ha emesso un ordine di presenza a Hamza Khan, direttore generale / analista di crescita di Binance Pakistan (Crypto Currency Exchange) per spiegare la sua posizione sul collegamento delle applicazioni mobili di investimento online fraudolente con Binance”, ha detto la FIA, citata dall’Express Tribune e da altri organi di stampa. “Un questionario pertinente è stato anche inviato alla sede centrale di Binance Isole Cayman e Binance Stati Uniti per spiegare lo stesso”, l’agenzia ha aggiunto in un comunicato stampa.

Le autorità tengono d’occhio le transazioni di criptovalute pakistane

La FIA sostiene di aver identificato 26 indirizzi di portafoglio su Binance utilizzati per trasferire il denaro. “Una lettera è stata scritta a Binance Holdings Limited per fornire i dettagli di questi conti wallet blockchain e per bloccarli con addebito”, ha dichiarato l’agenzia, aggiungendo di aver richiesto anche la documentazione di supporto e le informazioni sull’integrazione delle app con la piattaforma di trading di monete.

Notando che Binance è il “più grande scambio di valuta virtuale non regolamentato” dove i pakistani hanno investito milioni di dollari, la FIA avverte che in caso di non conformità, la sua unità di criminalità informatica potrebbe raccomandare alla State Bank of Pakistan (SBP) di imporre sanzioni finanziarie. Ora ha iniziato a monitorare da vicino le transazioni effettuate dai pakistani sulla borsa.

Le forze dell’ordine stanno anche raggiungendo la popolare app di messaggistica Telegram, poiché i membri dello schema sono stati aggiunti a vari gruppi che diffondono segnali sulle fluttuazioni dei prezzi del bitcoin. La FIA sta servendo avvisi legali agli influencer dei social media che hanno promosso le app e sta prendendo provvedimenti per bloccare tutti i conti bancari collegati alla truffa.

A dicembre, la Federal Investigation Agency ha congelato oltre 1.000 conti bancari e carte di credito utilizzati da commercianti di criptovalute dal Pakistan. L’acquisto e la vendita di criptovalute è ancora vietato nel paese come da una circolare emessa dalla SBP nell’aprile 2018. Nonostante il divieto, un recente rapporto ha rivelato che i pakistani hanno investito 20 miliardi di dollari in criptovalute. Gli appelli sono aumentati affinché il governo regoli le transazioni relative.

Tag in questa storia

conti, indirizzi, Binance, Crypto, crypto assets, crypto exchange, Cryptocurrencies, Cryptocurrency, Exchange, Federal Investigation Agency, FIA, Fraud, fraudsters, Investigation, investment scheme, Investors, pakistan, Pakistani, Pakistanis, probe, Regulation, Regulations, Scam, Wallets

Ti aspetti che il Pakistan limiti ulteriormente gli investimenti e il trading di criptovalute dopo questo caso di frode? Facci sapere nella sezione commenti qui sotto.

I pakistani perdono milioni in una truffa di criptovalute, il Pakistan emette un avviso a Binance 1

Lubomir Tassev

Lubomir Tassev è un giornalista dell’Europa orientale esperto di tecnologia a cui piace la citazione di Hitchens: “Essere uno scrittore è ciò che sono, piuttosto che ciò che faccio” Oltre a crypto, blockchain e fintech, la politica internazionale e l’economia sono altre due fonti di ispirazione.

Solana Formally Acknowledges Problems With 'High Compute' Transactions Clogging the Network

JPMorgan Report States Ethereum Might Lose Defi Dominance Due to Scaling Issues

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, o una raccomandazione o approvazione di qualsiasi prodotto, servizio o società. Bitcoin.com non fornisce consigli di investimento, fiscali, legali o contabili. Né l’azienda né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causata o presunta causata da o in connessione con l’uso o l’affidamento a qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.