Integrate annuncia un investimento di maggioranza da parte di Audax

La piattaforma di marketing B2B Integrate ha annunciato un investimento di maggioranza da parte della società di private equity Audax. L’investimento dovrebbe accelerare la roadmap di sviluppo della Demand Acceleration Platform di Integrate, oltre a creare opportunità per l’estero e l’espansione e nuove acquisizioni.

Integrate descrive la sua missione come la connessione di dati, canali e tecnologia per guidare l’account-based e person-based demand marketing su scala. “L’approccio ‘Buy & Build’ di Audax investe in aziende con posizioni leader di mercato e vantaggi competitivi sostenibili, e crediamo che la nostra partnership con Integrate aiuterà a guidare la crescita trasformativa nella nuova era del Precision Demand Marketing”, ha detto Tim Mack, Managing Director di Audax in un comunicato.

Perché ci interessa. Scommettiamo che il marketing B2B sarà irriconoscibile tra un anno. Customer-driven journeys, più self-service e meno trattare con i rappresentanti, impegno omnichannel, e un riconoscimento lentamente sviluppando che ci sono metriche più sfumate di numeri di lead.

Integrate è uno dei fornitori nello spazio che sembra capire questo e saremo a guardare come sfrutta questo nuovo finanziamento.

Circa l’autore

Integrate annuncia un investimento di maggioranza da parte di Audax 1

Kim Davis è il direttore editoriale di MarTech. Nato a Londra, ma newyorkese da oltre due decenni, Kim ha iniziato a occuparsi di software aziendale dieci anni fa. La sua esperienza comprende SaaS per l’impresa, la pianificazione urbana guidata dai dati digitali e le applicazioni di SaaS, tecnologia digitale e dati nello spazio del marketing. Ha scritto per la prima volta sulla tecnologia di marketing come redattore di The Hub di Haymarket, un sito web dedicato alla tecnologia di marketing, che successivamente è diventato un canale del marchio DMN, affermato nel settore del direct marketing. Kim è entrato in DMN propriamente detto nel 2016, come senior editor, diventando Executive Editor, poi Editor-in-Chief una posizione che ha ricoperto fino a gennaio 2020. Prima di lavorare nel giornalismo tecnologico, Kim è stato Associate Editor presso un sito di notizie iper-locali del New York Times, The Local: East Village, e in precedenza ha lavorato come redattore di una pubblicazione accademica e come giornalista musicale. Ha scritto centinaia di recensioni di ristoranti di New York per un blog personale, ed è stato un collaboratore occasionale di Eater.