La banca centrale australiana mantiene la pazienza della politica, senza fretta di ridurre le emissioni

Investing.com - Financial Markets Worldwide

Prova un’altra ricerca

La banca centrale australiana mantiene la pazienza della politica, senza fretta di ridurre le emissioni 1

La banca centrale australiana mantiene la pazienza della politica, senza fretta di ridurre le emissioni 2EconomiaDec 07, 2021 01:11AM ET

2/2

Australia's central bank sticks with policy patience, no rush to taper© Reuters. FOTO DI FILE: Un lavoratore si riflette in un muro della sede della Reserve Bank of Australia (RBA) nel centro di Sydney, Australia, 1 marzo 2016. REUTERS/David Gray/File Photo

2/2

Di Wayne Cole

SYDNEY (Reuters) – La banca centrale australiana ha lasciato i tassi d’interesse a un super-loose 0,1% martedì e bloccato con i suoi piani di acquisto di obbligazioni, resistendo alla pressione di seguire la sua controparte statunitense nel segnalare una precedente liquidazione dello stimolo.

Nel corso dell’ultima riunione politica dell’anno, il consiglio della Reserve Bank of Australia (RBA) ha notato l’emergere della variante Omicron, ma era fiducioso che non avrebbe fatto deragliare quella che è stata una rapida ripresa economica.

Crucialmente, mentre l’inflazione si è alzata, era ancora più bassa che in molte altre nazioni sviluppate e probabilmente aumenterà solo gradualmente data l’inerzia evidente nella crescita dei salari.

“Il Consiglio è impegnato a mantenere condizioni monetarie molto favorevoli per raggiungere i suoi obiettivi,” ha detto il governatore della RBA Philip Lowe. “

La banca centrale ha sorpreso molti il mese scorso lasciando cadere l’impegno a mantenere bassi i rendimenti obbligazionari, quindi c’è stata qualche speculazione che potrebbe cambiare di nuovo segnalando una fine anticipata della sua campagna di acquisto di obbligazioni.

La Federal Reserve degli Stati Uniti ha dato torto ai mercati la scorsa settimana aprendo la porta ad un più rapido assottigliamento del suo acquisto di beni, e quindi un aumento anticipato dei tassi di interesse.

Invece, il consiglio della RBA si è attenuto ai piani di riconsiderare i suoi acquisti di obbligazioni a febbraio, quando deterrà 350 miliardi di dollari australiani (246,51 miliardi di dollari) di debito pubblico australiano.

La maggior parte degli analisti suppongono che il consiglio dimezzerà i suoi acquisti a 2 miliardi di dollari australiani (1,41 miliardi di dollari) a settimana e cesserà.41 miliardi di dollari) a settimana e cesserà entro la metà dell’anno, anche se c’era anche il rischio che potesse fermarsi del tutto a febbraio.

La RBA è stata ottimista sulle prospettive economiche, dato che gli alti tassi di vaccinazione hanno permesso la rimozione dei blocchi per il coronavirus.

Il mercato del lavoro si sta riprendendo molto più velocemente del previsto, con i libri paga di ottobre più alti di prima che i blocchi iniziassero a mordere a giugno e le aziende che si lamentano di non avere abbastanza lavoratori.

Gli annunci di lavoro sono aumentati del 7,4% nel solo mese di novembre, per raggiungere il massimo in più di 13 anni.

Le vendite al dettaglio sono salite alle stelle perché i consumatori si sono liberati dai blocchi, e c’è molto da spendere dopo mesi di frugalità forzata.

L’economista capo della CBA, Stephen Halmarick, stima che circa 240 miliardi di dollari australiani di risparmi in eccesso siano stati accumulati durante le chiusure, indicando una stagione di shopping natalizio da urlo.

Usando i dati di vendita delle carte elettroniche combinati con i termini di ricerca di Google (NASDAQ:), la CBA stima che le intenzioni di spesa delle famiglie siano salite del 2,1% a novembre, dal mese precedente, per recuperare tutto il terreno perso dall’inizio della pandemia.

Il boom dei prezzi delle case ha aggiunto al potenziale potere di spesa, con l’Australian Bureau of Statistics che stima che i valori siano cresciuti di 1 trilione di dollari australiani nei soli sei mesi fino a settembre.

($1=1,4198 dollari australiani)

Related Articles

Disclaimer: Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti in questo sito non sono necessariamente in tempo reale né accurati. Tutti i prezzi dei CFD (azioni, indici, futures) e del Forex non sono forniti dalle borse ma piuttosto dai market maker, e quindi i prezzi potrebbero non essere accurati e potrebbero differire dal prezzo reale di mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non appropriati per scopi di trading. Pertanto Fusion Media non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite di trading che potreste subire a seguito dell’utilizzo di questi dati.

Fusion Media o chiunque sia coinvolto con Fusion Media non accetta alcuna responsabilità per perdite o danni derivanti dall’aver fatto affidamento sulle informazioni, inclusi dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito. Vi preghiamo di essere pienamente informati sui rischi e sui costi associati al trading sui mercati finanziari, è una delle forme di investimento più rischiose possibili.

La banca centrale australiana mantiene la pazienza della politica, senza fretta di ridurre le emissioni 3