01.03.2021     Commenti disabilitati su Gioielli di copertura
 

Gioielli di copertura

“Dimmi la verità, come dipingi le pietre? Alla domanda, Belén Bajo sorrise prima di chiarire…


“Dimmi la verità, come dipingi le pietre? Alla domanda, Belén Bajo sorrise prima di chiarire al suo interlocutore che era opera della natura. “Scelgo solo quelli che mi piacciono”, ha risposto il gioielliere di Madrid. I suoi pezzi, frutto di un lavoro artigianale, fanno perno tra i codici classici della gioielleria tradizionale e forme sorprendenti, rafforzate da una tavolozza di colori che vanno dall’oro bianco e giallo ai toni neon, come il verde, il rosa o l’arancione dei materiali semi-preziosi con una combinazione unica di sfumature perché, come Kandinsky, crede fermamente che il colore sia un mezzo per influenzare direttamente l’anima.

Dopo aver studiato Belle Arti e aver sperimentato la pittura, Belén Bajo ha optato più di due decenni fa per la. gioielliun settore che conosce molto bene fin dalla sua prima infanzia, dato che i suoi genitori sono importatori di gioielli. I gioielli della sua azienda sono fatto interamente in Spagnaspecificamente da artigiani di un laboratorio di Cordoba. Per lei sono “piccole opere d’arte” create “per essere godute”. “Sono fatti per le persone che vogliono dare un tocco di gioia ed energia al loro aspetto”, spiega l’artista, che potrebbe provare a disegnare altre cose “ma, in fondo, amo questi piccoli oggetti il cui valore simbolico ed evocativo può essere così grande”. A questo proposito, Belén Bajo afferma categoricamente che il gioiello “sarà sempre un regalo ideale”, perché “fa sentire la persona che lo riceve come quella che lo regala”..

Consapevole di questo e come se fosse un gioco, le sue influenze arrivano come personaggi di fantasia e si mescolano con i materiali che usa, il suo ambiente e la sua vita. Gli piace osservare la natura e prendere in prestito le cose che lo seducono. A partire da essi, lavora, trasforma e dà vita alle sue creazioni fino a quando non acquisiscono abbastanza personalità per diventare reali. Le sue due ultime collezioni sono basate su ispirazioni molto diverse. Il primo, in oro, argento e pietre preziose, si ispira all'”art deco” degli anni ’20, mentre il secondo, realizzato con argento e pietre semi-preziose, si ispira alla natura e al mondo minerale come lo trova l’uomo.

Fervente seguace di tutto ciò che ha a che fare con i movimenti artistici e architettonici, nelle sue collezioni non ci sono due pezzi uguali. Colore, forme e gemmologia vivono in ogni sua creazione, che lei stessa definisce come piccole sculture che si possono indossare. “Cerco di creare gioielli senza tempo che rivelino la personalità piuttosto che la tendenza del momento. La magia dei gioielli che disegno si fonde con l’essenza della persona che li indossa”. È questo che fa la differenza. “I gioielli fatti a mano, rispettosi dell’ambiente e molto personali, hanno il loro cliente. È un tipo di pubblico che è disposto a pagare un po’ di più per un gioiello durevole e fatto con cura”. Nel suo caso, il prezzo di ogni suo pezzo varia da 100 a 800 euro. Uno di loro è il il protagonista della copertina di ‘The Sourcebook of Contemporary Jewelry Design’.un’antologia del design d’avanguardia che riunisce le opere dei più importanti designer di gioielli contemporanei del mondo. Non manca nemmeno all’interno delle riviste di moda o sulla pelle di alcuni volti noti come quello della presentatrice. Anna Igartiburula ‘socialite Maria Leon o l’attrice Concha Velascoche li indossava nel programma ‘Cine de Barrio’.


Victor
L'autore: Victor

Ciao, mi chiamo Victor. Sono giornalista da circa 8 anni. Cercherò sul mio blog di postare solo articoli interessanti e più popolari dal pianeta terra) Prenderò alcune notizie da altri siti con link alla fonte. Se non volete che l'articolo sia sul sito - scrivetemi.

Victor
Ciao, mi chiamo Victor. Sono giornalista da circa 8 anni. Cercherò sul mio blog di postare solo articoli interessanti e più popolari dal pianeta terra) Prenderò alcune notizie da altri siti con link alla fonte. Se non volete che l'articolo sia sul sito - scrivetemi.