01.03.2021     Commenti disabilitati su L’altro Chanel
 

L’altro Chanel

Copertina dell’opera teatrale che rompe la vita di Coco Channel. / r. c. Sono passati…


Copertina dell'opera che rompe la vita di Coco Channel.

Copertina dell’opera teatrale che rompe la vita di Coco Channel. / r. c.

Sono passati cinque decenni da quando il mondo ha perso una delle figure più rilevanti nella storia della moda. Gabrielle Chanel morì all’Hotel Ritz di Parigi, elevando il suo personaggio allo status di leggenda. Genio della couture, pioniere in tante cose, si è liberata del corsetto esteticamente ma non emotivamente. Meglio conosciuta come Coco dopo la sua carriera di cantante nella sua prima giovinezza, ha sempre cercato di recuperare le sue umili origini e coloro che facevano parte di quel passato che ha seppellito per farne uno migliore. In quel passato c’era anche qualcuno che faceva parte del suo successo: sua sorella Antoinette.. Una storia che La scrittrice americana Judithe Little svela nel suo secondo romanzo, ‘The Chanel Sisters’. (Espasa). È la prima volta che un libro esplora gli inizi di entrambi prima di cambiare per sempre il mondo della moda.

Nelle mani di Little è caduta qualche anno fa una biografia di Coco Chanel, nella quale si aspettava di leggere che veniva da un ambiente privilegiato e glamour. Quello che ha scoperto è stata una sorpresa per lei. Nate in una famiglia di contadini, le sorelle – insieme a una terza chiamata Julia-Berthe – furono abbandonate dal padre dopo la morte della madre. Gabrielle aveva 12 anni quando arrivarono in un orfanotrofio di un convento francese, dove passarono anni vivendo di carità.

“Per me, questa parte della biografia di Coco ha reso il suo successo ancora più impressionante. Ma, quando ho pensato a come affrontare un romanzo, lei, famosa per aver mentito sulla sua infanzia, non mi sembrava il miglior narratore. Non avrebbe mai condiviso volentieri quella parte della sua vita. Invece”, dice, Antoinette è emersa come un’opportunità sia per raccontare la storia di Coco, sia per rivelare un lato più intimo e onesto della sarta a cui solo sua sorella avrebbe avuto accesso”. Solo lei poteva sapere, per esempio, che le bugie di Coco sulla sua infanzia erano anche un modo per sfuggire al dolore del suo abbandono.

Registri di censimento e diari

Le domande turbinavano nella testa dell’americana: come sarebbe stato essere la sorella di Coco Chanel? Sappiamo cosa è diventata Gabrielle, ma cosa è successo ad Antoinette? “I dettagli su di lei erano scarsi, e mi ha irritato che i biografi dello stilista sembravano trascurarla e ritrarla come bella, ma non intelligente“Così si mise al lavoro. Si è rivolta ai registri del censimento, ai giornali e alle pagine di geneaologia.

Man mano che la sua ricerca progrediva, un’immagine molto diversa della sorella cominciò a formarsi davanti a lei. “Una donna intelligente e simpatica che, come sua sorella, era in anticipo sui tempi come donna d’affari e imprenditrice. Mentre Coco lavorava ai disegni, Antoinette si occupava dei clienti dell’alta società. Con fascino e intuizione. Ha contribuito a fondare il primo negozio in rue Cambon, poi altri a Deauville e Biarritz, finendo per supervisionare centinaia di dipendenti”. Le sorelle rifiutarono di accettare il loro destino e si sollevarono insieme dalla povertà ricucendo il proprio futuro.

La storia ha dipinto Coco come una figura solitaria avvolta in collane di perle, ma non era sola fino a quando l’avvelenamento, secondo il certificato di morte, l’ha portata via per sempre dalla sua sorellina. Antoinette aveva appena lasciato suo marito, un pilota canadese che aveva sposato con un disegno di Coco, che decise di non fare più abiti da sposa per anni.


Victor
L'autore: Victor

Ciao, mi chiamo Victor. Sono giornalista da circa 8 anni. Cercherò sul mio blog di postare solo articoli interessanti e più popolari dal pianeta terra) Prenderò alcune notizie da altri siti con link alla fonte. Se non volete che l'articolo sia sul sito - scrivetemi.

Victor
Ciao, mi chiamo Victor. Sono giornalista da circa 8 anni. Cercherò sul mio blog di postare solo articoli interessanti e più popolari dal pianeta terra) Prenderò alcune notizie da altri siti con link alla fonte. Se non volete che l'articolo sia sul sito - scrivetemi.