Moonlift annuncia il rebranding e cambia nome in Moonlift Capital

Moonlift annuncia il rebranding e cambia nome in Moonlift Capital

press release

PRESS RELEASE. Il protocollo Blockchain Moonlift ha svelato un nuovo nome e una nuova release di prodotto come parte di una vasta iniziativa di rebranding. Il progetto blockchain sarà conosciuto come MoonLift Capital e lancerà uno scambio decentralizzato che permette scambi di token e funzioni di estrazione di liquidità.

MoonLift Capital: Un incubatore e fornitore di servizi cross-chain chiavi in mano

MoonLift è un progetto guidato dalla comunità che mira a fornire agli utenti un reddito passivo utilizzando la tecnologia blockchain. Il suo ecosistema comprende uno scambio decentralizzato, un pool di pali, un launchpad e un mercato NFT.

Il protocollo blockchain fornisce anche una soluzione one-stop per i prossimi progetti di criptovalute attraverso servizi di marketing, raccolta fondi e costruzione di comunità. Questi progetti possono sfruttare la loro base di comunità esistente per aumentare la consapevolezza del mercato sui loro progetti.

MoonLift Capital è anche sostenuta da numerosi partner e consulenti. Uno dei nomi più grandi è la guida alle start-up DeFi LaunchZone. MoonLift Capital offrirà nuovi progetti a Launchzone, fornendo loro una posizione favorevole per lanciare i loro token tramite IDO.

Altre partnership chiave includono BSC news, una piattaforma di notizie top che copre gli ultimi eventi sulla Smart Chain di Binance e Midgard Technologies, una società di sviluppo e sicurezza blockchain che aiuta i progetti a costruire infrastrutture sottostanti.

MoonLift Capital ha anche un team esperto guidato da Logino Dujardin, l’ex CEO del progetto DeFi Safe Haven. Altri membri chiave sono Richie Fallclis e Jordi Muset. MoonLift Capital ha anche assunto due consulenti esperti, tra cui Amy Aoniz e Mike Parra. Essi assisteranno MoonLift Capital nelle aree di NFT e nelle connessioni all’interno dell’industria blockchain.

Alimentato dall’innovativo token di utilità ”MLTPx”

L’ecosistema MoonLift Capital è alimentato dal suo token nativo MLTPx. MLTPx è il token di utilità e di governance che serve come tassa per i prodotti MoonLift Capital. I possessori di MLTPx saranno in grado di effettuare swap ad una tassa di transazione inferiore su Moonlift Dex (0,2%) rispetto al popolare Binance Smart Chain DEX PancakeSwap (0,25%).

Inoltre, le sue tokenomics sono progettate per beneficiare i possessori a lungo termine. Per esempio, i detentori a lungo termine avranno il diritto di classificarsi al primo posto nelle prossime vendite private sulla piattaforma launchpad. Essi possono anche beneficiare di fornire liquidità a MoonLift Dex che si impegna in pool di ricompense.

MLTPx ha una fornitura totale di token di 87.500.000.000 e integra misure deflazionistiche e bruciature di token, eseguite on-chain e completamente trasparenti. Inoltre, i suoi codici di contratto intelligente sono stati controllati sia da Certik che da Hacken, due delle migliori piattaforme di sicurezza informatica a livello globale.

Il token MLTPx è attualmente negoziabile sul DEX di Moonlift Capital e su PancakeSwap con piani per più blockchain in futuro. Per saperne di più su MoonLift Capital, visita i seguenti link qui sotto.

  • Twitter
  • Reddit
  • Telegram – NL / Telegram – ENG / Telegram – CHI
  • Telegram Announcement
  • Medium
  • Instagram
  • Github

Questo è un comunicato stampa. I lettori dovrebbero fare la propria due diligence prima di intraprendere qualsiasi azione relativa alla società promossa o a qualsiasi dei suoi affiliati o servizi. Bitcoin.com non è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causata o presunta causata da o in relazione all’uso o all’affidamento su qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato nel comunicato stampa.

Report: Nigerian Fintechs Account for Nearly 91% of 7.5 Million Raised by Tech Startups in the Country

AMC and Sony to Gift NFTs to 'Spider-Man: No Way Home' Advance Opening Ticket Buyers

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons