Pakistan Telecom Authority ha chiesto di bloccare oltre 1.600 siti Crypto – Il ministro dice che il governo intende “regolarizzare” Crypto

Pakistan Telecom Authority Asked to Block More Than 1,600 Crypto Websites — Minister Says Government Working to ‘Regularize’ Crypto

La Pakistan Telecommunication Authority è stata invitata a vietare più di 1.600 siti web criptati dalla Federal Investigation Agency (FIA). L’azione ha seguito una raccomandazione di divieto completo delle criptovalute da parte della banca centrale, la State Bank of Pakistan (SBP). Nel frattempo, il ministro della scienza del paese ha detto che il governo intende “regolarizzare” la crittografia nel paese.

La FIA pakistana intraprende azioni contro i siti web di criptovalute, sostenendo la raccomandazione di divieto di criptovalute della Banca Centrale

La Federal Investigation Agency (FIA) del Pakistan ha scritto alla Pakistan Telecommunication Authority (PTA) chiedendo al regolatore delle telecomunicazioni di bloccare l’accesso a più di 1.600 siti web di cripto trading, Samaa TV ha riportato martedì, citando il direttore della FIA Babur Bakht Qureshi.

Il direttore ha rivelato per la prima volta la sua intenzione di avvicinarsi all’Autorità per le telecomunicazioni per bloccare alcuni siti web di criptovalute la scorsa settimana. Egli sostiene che le criptovalute sono utilizzate per il riciclaggio di denaro.

Inoltre, “Qureshi ha rivelato che si sta preparando una lista di individui coinvolti nel commercio di criptovalute”, la pubblicazione ha trasmesso. Ha aggiunto che “Queste persone saranno arrestate” quando la criptovaluta sarà vietata in Pakistan.

Inoltre, Qureshi ha detto che saranno prese misure contro gli individui che promuovono le criptovalute in Pakistan. “Queste persone sono sul radar dell’agenzia e presto sarà presa un’azione contro di loro”, ha detto il direttore.

Un numero crescente di paesi sta dando un giro di vite sulle pubblicità di criptovalute, tra cui il Regno Unito, Singapore e India.

Il Pakistan sta ancora valutando cosa fare con la crittografia

Il governo del Pakistan sta valutando se vietare o regolare le criptovalute.

Il ministro della scienza e della tecnologia del Pakistan, Shibli Faraz, ha detto lunedì al primo vertice blockchain del paese ospitato in collaborazione con il suo ministero che il governo intende “regolarizzare” le criptovalute nel paese. Ha elaborato che il ministero delle finanze, la Banca di Stato del Pakistan e la Securities and Exchange Commission del Pakistan stanno già lavorando su un piano.

Tuttavia, la Banca di Stato del Pakistan (SBP) ha già preso la sua decisione di vietare completamente le criptovalute. La settimana scorsa, la banca centrale ha presentato un rapporto all’Alta Corte del Sindh raccomandando un divieto completo delle criptovalute.

L’Alta Corte del Sindh ha successivamente diretto i ministeri della legge e delle finanze per valutare le raccomandazioni della SBP e decidere se vietare le criptovalute o permettere alcune attività correlate nel paese. La corte ha chiesto ai due ministeri di presentare il loro rapporto congiunto in aprile.

Pensi che l’Autorità delle Telecomunicazioni del Pakistan bloccherà 1.600 siti web di cripto come richiesto dalla FIA? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

Pakistan Telecom Authority ha chiesto di bloccare oltre 1.600 siti Crypto - Il ministro dice che il governo intende "regolarizzare" Crypto 1

Kevin Helms

Studente di economia austriaca, Kevin ha scoperto Bitcoin nel 2011 e da allora è un evangelista. I suoi interessi riguardano la sicurezza di Bitcoin, i sistemi open-source, gli effetti di rete e l’intersezione tra economia e crittografia.

China's Central Bank Digital Currency Now Has 261 Million Users —  Billion in Digital Yuan Transactions Made

Cryptocurrency ATMs Close Down in Singapore Following Central Bank's Announcement

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, o una raccomandazione o approvazione di qualsiasi prodotto, servizio o società. Bitcoin.com non fornisce consigli di investimento, fiscali, legali o contabili. Né l’azienda né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causata o presunta causata da o in connessione con l’uso o l’affidamento a qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.