Perché la gente non ha comprato Call of Duty quest’anno? | GI chiede

Gli ultimi dati delle classifiche provenienti dal Regno Unito e dall’Europa mostrano che Call of Duty: Vanguard ha venduto significativamente meno unità al lancio rispetto al suo predecessore, Call of Duty: Black Ops Cold War.

Infatti, nel Regno Unito è il lancio più debole per la serie in oltre un decennio.

Call of Duty non è l’unico gioco a vedere vendite più lente del solito nel 2021, quindi cosa sta succedendo?

Noi della comunità nerd dei numeri abbiamo mandato email, chattato su Discord e sussurrato nei bar su cosa potrebbe accadere. I giochi basati su servizi e abbonamenti come Game Pass stanno danneggiando le vendite di nuovi giochi? È che nessuno vuole un gioco sulla Seconda Guerra Mondiale? Call of Duty è diventato noioso?

Il teorizzare è diventato un po’ troppo, e alla fine abbiamo deciso: Perché non chiedere semplicemente ai giocatori?

Abbiamo collaborato con i nostri amici di EGX e PAX per parlare con un pubblico di giocatori hardcore nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Delle 671 persone con cui abbiamo parlato, 284 hanno detto di aver comprato un gioco di Call of Duty negli ultimi cinque anni, e di questi, solo 59 (21%) hanno detto di aver comprato Call of Duty Vanguard di quest’anno.

E il 79% che non lo ha fatto? Cosa li ha scoraggiati?

Abbiamo permesso agli intervistati di dare risposte multiple a questa domanda. E la risposta più grande è stata che sono semplicemente occupati a giocare ad altri giochi, con il 55% degli intervistati che ci ha detto questo.

Con un sacco di giochi sparatutto AAA gratuiti sul mercato, più l’accesso a vecchi giochi attraverso servizi di abbonamento, è logico che questi avrebbero un effetto a catena sulle nuove uscite AAA alla fine. Infatti, il 14% ha detto che non ha comprato Vanguard perché era felice di giocare al gioco gratuito di Call of Duty, Warzone.

Call of Duty non è l’unico nuovo gioco quest’anno a vedere un calo; anche giochi come Battlefield e Far Cry hanno lottato. E l’idea che i giocatori siano contenti di quello che hanno può spiegare i cali anche lì.

Tuttavia, abbiamo avuto delle eccezioni quest’anno. Le ultime uscite dei Pokémon hanno ottenuto risultati eccezionali, per esempio. Quindi essere ‘occupati con altri giochi’ non può essere stata l’unica sfida per Call of Duty. E infatti, si scopre che ci sono molte ragioni per cui i fan non hanno scelto Vanguard quest’anno.

Click to enlarge

Clicca per ingrandire

Il prossimo grande problema è stato il numero di giochi di Call of Duty che sono usciti negli ultimi anni. Il 34% degli intervistati ha detto di non aver comprato Vanguard perché si era stancato del franchise o aveva bisogno di una pausa da esso.

L’altro problema erano i giochi della Seconda Guerra Mondiale. Il 24% ha detto di non essere interessato alla Seconda Guerra Mondiale, con alcuni che specificano il fatto che non hanno apprezzato il precedente gioco Call of Duty della Seconda Guerra Mondiale.

Poi c’erano le recensioni. Vanguard non ha ottenuto grandi lodi al lancio, e il 20% degli intervistati ha notato questo e ha deciso di non acquistare di conseguenza.

Infine, l’11% ha detto che stava aspettando un gioco diverso. Di questo gruppo, il 38% ha detto che stava aspettando Halo: Infinite, e il 25% ha detto che stava andando con Battlefield 2042 quest’anno.

Ci sono state anche altre ragioni presentate. Il 6% ha detto di non voler supportare Activision Blizzard a causa delle loro “pratiche commerciali” e del “trattamento dei dipendenti”.

Il prezzo è stato un fattore per il 4% degli intervistati, che si è sentito particolarmente irragionevole considerando la breve campagna per giocatore singolo. Infatti, il 2% ha detto che la modalità single player non era abbastanza buona, un altro 2% ha detto che la dimensione del download era troppo grande, e il 3% ha detto di sentire che la comunità era piena di imbroglioni.

GamesIndustry.biz porrà altre domande di attualità al nostro gruppo di giocatori nelle prossime settimane e mesi. Se hai delle domande a cui vuoi rispondere, manda un’email a [email protected]