Recensione di Raijintek Scylla Elite 240mm Watercooling

Recensione di Raijintek Scylla Elite 240mm Watercooling

Andy dà uno sguardo approfondito al kit di raffreddamento a liquido Raijintek Scylla Elite 240. I tempi principali sono i seguenti:

01:25 – Unboxing e panoramica

13:29 – Benchmark

16:30 – Analisi

25:22 – Conclusione

I kit CPU loop sono spesso un buon primo passo verso il watercooling personalizzato, fornendo tutto ciò di cui avresti bisogno per raffreddare la tua CPU e permettendo le possibilità di espansione alla GPU e più radiatori. Il Raijintek Scylla Elite 240 sostiene di essere proprio un kit del genere, e a £210, sembra offrire un punto d’appoggio economico per i loop personalizzati.

In realtà, questa economicità è evidente in un certo numero di componenti e assenze notevoli. Le ventole, in particolare, si sentono a buon mercato, con pale molto flessibili che tintinnano quando si muovono su e giù per la gamma di giri.

Non ci sono istruzioni per il kit stesso, dato che Raijintek impacchetta i componenti singolarmente in una scatola più grande e si affida alle istruzioni della pompa-res e del blocco CPU. A volte le istruzioni possono essere un po’ prolisse e troppo complicate, ma queste vanno troppo nella direzione opposta, mancando informazioni vitali come assicurarsi che l’alimentazione SATA per la pompa sia collegata.

Una volta costruito e riempito ho notato che il liquido di raffreddamento chiaro è diventato marrone, probabilmente a causa del radiatore fornito da Magicool che non è stato affatto lavato ed è ancora pieno di flusso dalla costruzione. Scartando il refrigerante originale, l’ho sciacquato con una notevole quantità di acqua pulita e poi riempito con del refrigerante opaco. Il kit inoltre non viene fornito con un ponte a 24 pin e manca qualsiasi istruzione sulle corrette procedure di riempimento, quindi ho il terrore di pensare a perdite che si riversano sui componenti alimentati.

Pulito e fatto funzionare per un po’ per permettere all’aria di scendere dal liquido di raffreddamento, il loop si è effettivamente comportato bene, battendo tutti i dissipatori AIO da 360mm testati finora nel test dei 35dB, ma è rimasto al di sotto del Corsair H170i e del suo gigantesco radiatore da 420mm con un buon margine. Mentre le prestazioni sono certamente lì, il valore non lo è, in quanto non c’è un grande affare che, soggettivamente, è abbastanza affidabile da essere portato attraverso molti sistemi e aggiornamenti.

La maggior parte del budget è probabilmente nella pompa DDC-res. È disponibile solo separatamente nella forma D5, ma costa 130 sterline, e il blocco 60 sterline, quindi è facile capire perché gli altri componenti sono rimasti senza. La pompa-res è abbastanza carina – anche se è un’ovvia copia dei tubi Heatkiller della Watercool – ma non viene fornita con nessuno smorzamento per eliminare le vibrazioni dal DDC. I bracci usati per montarla su un radiatore o sui fori delle ventole sono fissi in posizione, il che può rendere difficile trovare un posto dove montarla, specialmente lavorando per far passare i tubi senza che si scontrino con qualcos’altro, come la GPU.

Il blocco CPU è descritto come un blocco ‘tutto in rame’, ma solo il coldplate è in rame, in forma nichelata. La maggior parte è acetale con una piastra frontale in alluminio. Questo particolare era stato fatto con acetale fresco che non è stato permesso di degassare e quindi puzzava all’apertura. Mancano anche altri componenti che direi essenziali per un loop personalizzato, come adattatori a 90 gradi, un sensore di temperatura e una valvola di scarico.

Pros

– Si comporta bene per un radiatore da 240mm

– La pompa-res è solida e di qualità decente

Cons

– Scarse istruzioni che mancano di passi chiave e dettagli

– Rads che non sono stati lavati

– I ventilatori sono di costruzione economica

– Mancano diversi componenti chiave per la facilità d’uso