Sembra che Halo Infinite potrebbe vedere il ritorno delle classiche mappe preferite dai fan

  • Casa
  • Notizie
  • Halo Infinite Season 2(Credito d’immagine: 343 Industries)

    Uno sviluppatore senior di Halo Infinite ha accennato che le mappe classiche potrebbero essere aggiunte al gioco.

    I commenti di una recente intervista hanno riacceso le speranze che le amate mappe dei giochi classici di Halo potrebbero farsi strada in Halo Infinite. Nell’episodio 90 del Kinda Funny Xcast, è stato chiesto a Joseph Staten, Head of Creative di 343 Industries, perché lo sviluppatore non ha riportato le mappe dei vecchi giochi per fare da “cuscinetto” tra gli aggiornamenti dei contenuti di Halo Infinite. “Questa è una buona idea, Parris”, risponde uno Staten dall’aria divertita.

    “Posso parlare di alcune cose, ma non posso parlare di altre”, continua Staten. “Ci sono alcune grandi mappe di Halo. Penso che tutti noi abbiamo la nostra preferita. Guardian, Blood Gulch, The Pit… ci sono un sacco di mappe che sono fantastiche, giusto? Penso che sarebbe fantastico giocare di nuovo su quelle mappe, voi no? Sembra una cosa divertente. Me lo segno nel mio piccolo quaderno”

    Naturalmente, è pura speculazione a questo punto, ma la risposta di Staten sembra suggerire che qualcosa è in lavorazione per quanto riguarda le vecchie mappe della serie e Halo Infinite. E se finiranno per essere aggiunte, potrebbe non essere per un po’ di tempo, dato che probabilmente dovranno essere rielaborate per adattarsi alla più recente uscita di Master Chief.

    Halo Infinite è stato inizialmente ritardato di un anno perché 343 non ne era “orgogliosa”. E il multiplayer del gioco avrebbe potuto essere molto diverso, con rapporti che suggeriscono che è iniziato come un clone di Overwatch.

    Lone Wolves aggiunge nuove mappe e modalità al mix multiplayer. Ecco tutto quello che dovete sapere su Halo Infinite Season 2.

    Anne-Marie Ostler

    Originario dell’Irlanda, mi sono trasferito nel Regno Unito nel 2014 per conseguire una laurea in giornalismo e PR presso l’Università di Staffordshire. In seguito, ho lavorato come freelance per GamesMaster, Games TM, Official PlayStation Magazine e, più recentemente, Play e GamesRadar+. Il mio amore per il gioco è nato quando ho sconfitto con successo il primo Goomba in Super Mario Bros sul NES. In questi giorni, la PlayStation è la mia passione. Quando non gioco o scrivo, di solito mi si può trovare a setacciare internet alla ricerca di qualsiasi cosa relativa a Tomb Raider da aggiungere alla mia collezione di memorabilia fuori controllo.