Un mondo multichain è la chiave per il successo del Web 3.0 e del Metaverso

Un mondo multichain è la chiave per il successo del Web 3.0 e del MetaversoFonte: Adobe/chungking

Matthew Niemerg, Ph.D., è il co-fondatore e presidente di Aleph Zero Foundation– una non-profit svizzera che offre un nuovo livello di infrastruttura con una soluzione di privacy scalabile plug-and-play che sfrutta le prove di conoscenza zero (zk-SNARKs) e Secure Multiparty Computation (sMPC).

____

Molti dei problemi affrontati dagli ecosistemi blockchain oggi sono gli stessi problemi affrontati da internet quando era agli inizi. Anche internet soffriva di velocità di trasferimento lente, problemi di scalabilità e un’esperienza spesso frustrante. Negli ultimi anni, quando la tecnologia blockchain ha superato la stretta comunità dei primi utenti e ha iniziato ad attirare l’interesse delle imprese, dei governi, così come “l’uomo medio”, questi problemi si sono esacerbati. Il problema più urgente che si frappone all’adozione di massa della blockchain è la scalabilità. Quindi, quali sono i modi in cui possiamo facilitare la scalabilità? Una delle soluzioni è la costruzione di un ecosistema blockchain multichain.

Cos’è una multichain?

Una multichain è una serie di ponti e parachain che collegano le blockchain esistenti per fornire servizi migliori e lavorare intorno ai limiti delle vecchie tecnologie come Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH). Blockchains come Solana (SOL), Near (NEAR) e Cosmos (ATOM) sono esempi di queste soluzioni. Il loro obiettivo non è quello di delegittimare l’esistenza delle vecchie blockchain, ma piuttosto di permettere agli utenti di sfruttare più pienamente le cose in cui Ethereum o Bitcoin eccellono, reindirizzando il traffico verso questi nuovi ecosistemi che migliorano la tecnologia legacy. Questo è diventato sempre più importante negli ultimi anni a causa di Ethereum che è diventato l’ecosistema “go-to” per i progetti di finanza decentralizzata (DeFi). La popolarità di questi progetti è cresciuta al punto che Ethereum non è stato in grado di affrontare tutte le sfide a causa del suo lento throughput, delle alte tariffe del gas e della complicata infrastruttura.

Le multichain hanno lo scopo di creare vie di comunicazione tra diverse blockchain, permettendo agli sviluppatori e alle aziende di prosperare in un ecosistema mentre approfittano delle soluzioni offerte da un altro ecosistema. La mossa verso un mondo multichain è una mossa verso un mondo blockchain che è veramente più decentralizzato in quanto permette alle blockchain di rinunciare ad operare in isolamento. Lavorando in isolamento, la blockchain è attualmente nella sua fase Web 2.0, dove simili scambi di comunicazione e informazione tra diversi ecosistemi erano proibiti.

Multicatene come ponti per la comunicazione

Oltre ad essere modi per costruire su blockchain legacy, le multicatene sono anche canali di comunicazione tra reti blockchain isolate. Uno dei punti di forza della tecnologia blockchain è il modo in cui gli sviluppatori possono creare protocolli personalizzati che risolvono i problemi che gli sviluppatori ritengono opportuno risolvere. Ognuno ha i suoi modelli di governance personalizzati, protocolli di consenso, implementazione di contratti intelligenti, ecc. Le multicatene sono costruite per ospitare le differenze tra le catene che operano spesso in modi radicalmente diversi.

Per esempio, Zcash (ZEC) opera come una biforcazione della catena Bitcoin, e nonostante condivida alcuni punti in comune, è una bestia completamente diversa. Zcash codifica gli indirizzi e le transazioni con le sue soluzioni personalizzate e offre anche caratteristiche di sicurezza migliorate. Nonostante queste differenze, le due catene possono comunicare sfruttando l’interfaccia multichain.

Come si costruisce una multichain?

Per costruire connessioni tra ecosistemi blockchain, si devono costruire costruzioni speciali chiamate ponti tra le diverse catene. Usando i ponti, le catene possono mantenere i loro protocolli e meccanismi di consenso pur essendo in grado di interoperare in modo sicuro. Ci sono due tipi principali di ponti, cioè quelli centralizzati e quelli decentralizzati. Un ponte centralizzato impiega un mediatore di terze parti che supervisiona le transazioni effettuate tra due blockchain. Al contrario, i ponti decentralizzati operano attraverso l’uso di protocolli di consenso che agiscono indipendentemente da qualsiasi autorità centralizzata. Questo aiuta ad evitare pratiche corrotte e promuove la trasparenza.

I ponti non sono limitati al trasferimento di token da una blockchain all’altra e hanno diversi altri usi. Possono semplificare la trasmissione di dati da una catena all’altra, come le chiamate di contratti intelligenti, le informazioni fuori dalla catena, e le applicazioni e le loro varie funzioni per operare su numerose catene contemporaneamente a seconda del compito che devono svolgere.

Uno dei limiti attuali delle molte soluzioni disponibili è che usano Ethereum come strato di regolamento. Questo significa che i trasferimenti cross-chain multidirezionali non sono presenti sul mercato al momento, e ogni parte si affida a soluzioni di bridging frammentate che passano attraverso Ethereum. Per esempio, se si cercasse di trasferire i token da Polygon (MATIC) alla Smart Chain di Binance, si dovrebbe prima trasferire i token da Polygon a Ethereum e poi trasferire i token da Ethereum alla Smart Chain di Binance. Si spera che questo complicato processo diventi più snello man mano che osserviamo l’aumento dei ponti multi-direzionali.

Polkadot e parachains

Polkadot (DOT) è un caso affascinante nel mondo della blockchain. Concettualizzato come una “blockchain di blockchain”, l’idea è nata dal desiderio di creare un ecosistema dove numerose catene interconnesse possono essere progettate per eseguire compiti specifici. Lo sviluppatore credeva che nessuna catena potesse completare tutti i compiti che il mercato può richiedere, suggerendo invece di raccogliere numerose soluzioni sotto un unico quadro.

La rete che hanno creato permette agli sviluppatori di creare le loro catene, ognuna con i loro token nativi, regole e casi d’uso, utilizzando i blocchi standard della “Relay Chain” di Polkadot Queste singole entità che compongono l’universo Polkadot sono chiamate “parachain”, che possono interagire tra loro e con altri ecosistemi blockchain, come Bitcoin o Ethereum. Utilizzando il framework Substrate di Polkadot, questi ponti possono essere costruiti in molti modi utilizzando moduli runtime e contratti intelligenti. La flessibilità che Polkadot offre è impressionante, poiché i singoli ponti costruiti dai vari sviluppatori sulla sua rete possono essere a scopo di lucro o creati come servizi pubblici.

Le cose diventano ancora più interessanti quando prendiamo in considerazione che i vari ponti tra blockchain di terze parti costruiti su Polkadot possono sfruttare il passaggio di messaggi cross-chain. Questo significa che se abbiamo un ponte che comunica con Bitcoin e un altro ponte che comunica con Ethereum, possiamo costruire un’interfaccia personalizzata che permetterà agli utenti di interagire con tutte e tre le catene contemporaneamente.

Le multichain e il mondo finanziario

Una delle aree in cui un mondo multichain troverà un pubblico entusiasta è il settore finanziario, in particolare il fintech. La tecnologia Blockchain offre molti vantaggi interessanti per questo settore, in particolare sotto forma di soluzioni di privacy all’avanguardia e di libri mastri immutabili che la tecnologia impiega. Una delle sfide perenni che il mondo della finanza deve affrontare riguarda lo spostamento di denaro, soprattutto attraverso le frontiere.

Il trasferimento di denaro attraverso i metodi tradizionali è costoso e richiede tempo. Le soluzioni legacy blockchain come Bitcoin o Ethereum non sono state in grado di riempire queste applicazioni a causa del basso throughput. Bitcoin può verificare solo 300.000 transazioni al giorno. Questo numero è significativamente inferiore ai requisiti di cui il nostro attuale sistema finanziario ha bisogno. Inoltre, i ledger legacy blockchain hanno costi di transazione proibitivi, rendendo impraticabile l’impiego da parte del settore finanziario. Per esempio, la tassa media di transazione Bitcoin nel febbraio del 2021 era di 23 dollari (era di circa 3 dollari lo scorso novembre – Cryptonews.com).

La via da seguire

Le multicatene sono il prossimo passo logico nel percorso verso l’adozione mainstream della blockchain. Il mito di “una catena per dominarli tutti” può essere finalmente messo a riposo mentre reindirizziamo il nostro tempo e i nostri sforzi verso collaborazioni che beneficeranno reciprocamente tutti noi. Il processo che stiamo osservando rispecchia lo sviluppo di innumerevoli altri concetti che ci hanno portato dove siamo oggi, e rafforza la convinzione che solo attraverso la cooperazione possiamo veramente portare un’innovazione rivoluzionaria che rimodella il nostro modo di vivere.
___
Learn more:
– Il futuro multi-catena porta più concorrenti a Bitcoin ed Ethereum – Gli analisti
– Ethereum deve impegnarsi di più per mantenere il suo dominio in un futuro multi-catena

– Ethereum, Solana, Polygon & Co formano un nuovo mercato caldo di Blockchains
– Gli sviluppatori di Ethereum sul perché non vedono Cardano e Binance Chain come rivali