Virgil Abloh, designer di Louis Vuitton e Off-White, morto a 41 anni – E! Online

Il designer di Louis Vuitton Virgil Abloh è morto a 41 anni

Il mondo della moda è in lutto per la perdita di una leggenda.

Il designer Virgil Abloh, il direttore artistico della collezione maschile di Louis Vuitton e il fondatore dell’etichetta Off-White, è morto all’età di 41 anni dopo aver combattuto privatamente “una rara e aggressiva forma di cancro, l’angiosarcoma cardiaco”, si legge in una dichiarazione sul suo Instagram domenica 28 novembre.

“Siamo devastati nell’annunciare la scomparsa del nostro amato Virgil Abloh, un padre, marito, figlio, fratello e amico ferocemente devoto”, ha dichiarato un messaggio pubblicato sull’account Instagram del designer. “Gli sopravvivono la sua amorevole moglie Shannon Abloh, i suoi figli Lowe Abloh e Grey Abloh, sua sorella Edwina Abloh, i suoi genitori Nee e Eunice Abloh, e numerosi cari amici e colleghi.”

Secondo la dichiarazione, Virgil “ha scelto di sopportare la sua battaglia privatamente dalla sua diagnosi nel 2019, sottoponendosi a numerosi trattamenti impegnativi, il tutto mentre guidava diverse istituzioni significative che abbracciano moda, arte e cultura.”

Per Johns Hopkins Medicine, l’angiosarcoma cardiaco è un “raro tipo di tumore primario maligno (canceroso) che si verifica nel cuore”.

Bertrand Rindoff Petroff/Getty Images

Nonostante le sue sfide di salute, l’imprenditore era concentrato sul suo mestiere più che mai.

“Attraverso tutto questo, la sua etica del lavoro, la sua curiosità infinita e il suo ottimismo non hanno mai vacillato”, continua la dichiarazione sul suo Instagram. “Virgil era guidato dalla sua dedizione al suo mestiere e alla sua missione di aprire le porte agli altri e creare percorsi per una maggiore uguaglianza nell’arte e nel design”

Secondo il messaggio, Virgil viveva secondo questo motto: “‘Tutto ciò che faccio è per la versione diciassettenne di me stesso’, credendo profondamente nel potere dell’arte di ispirare le generazioni future.”

Dopo la notizia della scomparsa dell’esperto di moda, Louis Vuitton ha rilasciato una dichiarazione accorata sui social media.

Bernard Arnault, CEO di LVMH, ha dichiarato: “Siamo tutti scioccati da questa terribile notizia. Virgil non era solo un designer geniale e un visionario, era anche un uomo con una bella anima e una grande saggezza. La famiglia LVMH si unisce a me in questo momento di grande dolore e stiamo tutti pensando ai suoi cari per la scomparsa del loro marito, padre, fratello, figlio e amico”

Matt Baron/Shutterstock

I co-fondatori di New Guards, Davide De Giglio e Andrea Grilli, la cui azienda supervisiona Off-White e altri marchi di moda, hanno anche condiviso il loro dolore per la morte di Virgil.

“Virgil era un genio, un visionario, ma soprattutto era una famiglia”, si legge nella loro dichiarazione congiunta sulla pagina Instagram di Off-White. “Non ci sono parole per descrivere la perdita che la sua scomparsa lascia nelle nostre vite. La sua leggenda, il suo amore e il suo spirito rimarranno con noi per sempre. Grazie per aver cambiato le nostre vite, Virgil. Riposa in potenza, fratello”

Virgil ha fondato Off-White, un’etichetta di moda di lusso italiana che è diventata la preferita dai fan tra le celebrità e gli influencer, nel 2012. Un anno dopo, Ye (precedentemente noto come Kanye West) lo ha assunto come suo partner creativo. I due erano collaboratori di lunga data e avevano anche fatto uno stage da Fendi insieme nel 2009.

“Siamo tutti figli del trailblazing di Kanye”, ha detto Virgil a W nel 2017. “Questa generazione non avrebbe la libertà di attraversare i generi se non fosse stato per la sua passione di trovare più di quello che gli veniva consegnato”

Nel marzo 2018, Virgil ha fatto la storia come direttore artistico della collezione maschile di Louis Vuitton, diventando il primo afroamericano a guidare la linea maschile del marchio, secondo il New York Times. Inoltre, è stato anche uno dei pochi designer neri a guidare una grande casa di moda francese.

“Mi sento euforico”, ha detto all’outlet all’epoca. “Questa opportunità di pensare a cosa significherà il prossimo capitolo del design e del lusso in un marchio che rappresenta l’apice del lusso è sempre stato un obiettivo nei miei sogni più selvaggi. E mostrare alla generazione più giovane che non c’è un solo modo in cui qualcuno in questo tipo di posizione deve apparire è uno spirito fantasticamente moderno in cui iniziare”

Ha aggiunto: “Voglio usare la storia di Louis Vuitton con i viaggi per guardare davvero alle diverse culture del mondo e contribuire a rendere visibile tutta la nostra umanità. Quando la creatività si fonde con le questioni globali, credo che si possa riunire il mondo. La moda a questo livello può davvero aprire gli occhi”

Per gli ultimi aggiornamenti sulle ultime notizie, clicca qui per scaricare la E! News App